Powered by Invision Power Board



Pagine : (2) 1 [2]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Banalità Sul Doc Da Relazione Ed Omosessuale
 
Sarabanda83
Inviato il: Martedì, 12-Nov-2019, 13:19
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 128
Utente Nr.: 19.539
Iscritto il: 30-Set-2019



Forse sarebbe meglio prima dirsi quest 'ossessione è una ca.... e poi evitare di attuare le compulsioni.
Si, in fondo comunque è tutto qui. Il problema è che ci ricadiamo perché tocca corde sensibili del nostro essere e sempre per timore che la paura sia reale cediamo alla tentazione di compulsare.
Però se resistiamo e facciamo altro, se ci distraiamo, dopo un po' la nostra mente torna più lucida e ci chiediamo "ma come abbiamo fatto a pensare a una tale idiozia?"
Distrarsi è essenziale e tutto il processo si riporta ai mitici 4 gradini del dott. Schwarz, che Dio lo benedica
PMEmail Poster
Top
 
rebirth
Inviato il: Martedì, 12-Nov-2019, 15:49
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 35
Utente Nr.: 18.568
Iscritto il: 02-Ott-2017



esatto.. anche secondo me questi sono i pilastri per la via della guarigione.
1. non credere a ciò che l'ansia ti spinge a pensare, tutto ciò che è collegato all'ansia allora dobbiamo darlo per falso

2. non rispondere ai pensieri, argomentando sul perchè non è cosi sul perchè dovrebbe essere cosi ecc.. NON RISPONDERE!!

3. Non cercare prove nella realtà di tutti giorni. ES: Mi piacciono i suoi capelli oggi? Ora mi giro lo guardo e vediamo cosa provo, se non sento le farfalle allora i pensieri hanno ragione.
Se non provo eccitazione e felicità ogni secondo che sono con lui sono una cattiva fidanzata.
ERRORE ERRORE ERRORE. In primis tutto ciò non sta nel in cielo ne in terra perchè sono idee completamente sbagliate e secondariamente nel momento in cui vivremo uno stato ansioso tutte le altre emozioni sono soffocate da questa. quindi accettare che in quel momento si sta così e che non è colpa nostra ma colpa di uno squilibrio chimico che passerà.

4. Avere un atteggiamento pessimistico e' veleno per noi, perchè in qualche modo è come se ci autorizzassimo a crogiolarci nella misera e a legittimare tutti nostri atteggiamenti erronei.. non siamo affetti da un male incurabile e se pensiamo in quel momento che sia così ricordiamoci che è un'altro giochetto del doc stronzetto, ci vuole fare credere di essere allinterno di una prigione da cui è impossibile uscire ma in realtà siamo attorniate da sbarre di cartone se solo provassimo ad uscirne, con serietà si intende, ci renderemmo conto di quanto fuffa sia questo disturbo. TUTTO FUMOOOOO.

5. UMORISMO questa secondo me è l'arma vincente per combattere il pessimismo perchè se smettessimo di prendere sul serio tutte queste idee assurde e ci prendessimo un po bel il culo tutto assumerebbe un'altra sfumatura.

6. Una cosa che per me si è rivelata molto utile è smettere di dirmi in continuazione HO IL DOC, da una parte è molto utile perchè ti permette di non colpevolizzare noi stessi per i pensieri che abbiamo, attribuiamo tutta la resposabilità a questo disturbo.. però molte volte ce ne facciamo una malattia, gli diamo un significato troppo grande.
Allora io invece di dirmi " tranquilla, non è colpa tua è solo il disturbo ossessivo" mi dico "dai tranquilla, è solo ansia è solo paura.. appena ti si libererà la menta appena ti leverai di dosso GLI OCCHIALI DEL MALAUGURIO inizierai a vedere la realtà per com'è"
Io non sono affetta da nessuna malattia, non ho nulla che non si possa curare. E' solo un eccesso di ansia che crea una reazione a catena da cui esco solo nel momento in cui usi gli strumenti che mi permettono di spezzare queste catene.

7. Tenerci occupati, ogni qual volta entriamo nel vortice dei pensieri cerchiamo qualcosa da fare che ci piaccia.
impostiamoci degli obiettivi, prendiamo qualcosa di cui non siamo soddisfatti e facciamo in modo di migliorarla, il disturbo non deve essere il nostro unico obiettivo o il nostro unico pensiero giornaliero dobbiamo smettere di dare tutta questa importanza a una zanzarina del cazzo che ci viene a pungere di tanto in tanto dobbiamo smettere di stare tutto il giorno a grattarci quei morsi del cavolo
Paragoniamo il doc ad una puntura di zanzara, vi siete mai accorti che se non la tocchiamo non ci fa neanche un po di prurito, nel momento in cui ci grattiamo dobbiamo farlo sempre di più fino a lasciarci una ferita e per smettere ci vuole una forza di volontà assurda. lo stesso vale per noi ogni qual volta rispondiamo ad un pensiero dobbiamo ricominciare da capo!!!! PSICO incaz.gif
QUINDI SMETTIAMO DI GRATTARCI E LA PUNTURA PIANO PIANO SMETTERA' DI PRUDERE.

8. ricordiamo quando e come tutto è iniziato.. per me è iniziata da una stupida domanda che non ho accettato e dal non sopportare l'ansia che il pensiero ha prodotto, perchè me quell'ansia significava dar ragione al pensiero ma non centra una cippa!! l'ansia e' PAURA E SE ABBIAMO PAURA DI QUALCOSA E' PERCHE' NON VORREMMO CHE QUELLA COSA SI REALIZZASSE MAI.
Prima di quel pensiero io stavo benissimo, non avevo nessun problema con mia relazione anzi... era tutta la mia vita. PIANO PIANO UN PASSO ALLA VOLTA SUPEREREMO TUTTO.

9. Un'altra cosa che secondo me potrebbe essere utile per noi, ma che possiamo attuare solo nel momento in cui l'ansia cala un pò è di trovare dei lati positivi a tutta questa situazione assurda.
Allora voi potreste dirmi... ma quali lati positivi potremmo mai trovare cretina!!!
Prima di tutto stiamo attuando un percorso che ci sta rendendo delle persone più forti quindi un domani quando ci troveremo davvero in difficoltà .. non ci lasceremo buttare giù perchè noi sappiamo cos'è la sofferenza e sapremo anche come uscire!
Nel mio caso che ho ansia legata alla relazione, mi dico che una volta uscita mi godrò ogni momento di banale monotonia quotidiana che non darò nulla per scontato e tutto questo lo possiamo fare solo noi che siamo capitati in queste situazioni. Quando studiavo filosofia alle superiori mi è rimasta impressa una cosa " noi malediciamo il male e ne fuggiamo con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione ma avete mai considerato il fatto che senza il male non ci sarebbe il bene? come avremmo fatto a distinguere la felicità se non esiste il suo opposto? Come facciamo a distinguere il caldo se non esiste il freddo? Quindi noi viviamo questi momenti di malessere per poterci assaporare al 100% quelli di benessere! PROVIAMO A CONSIDERARE IL DOC COME UNA BENEDIZIONE PIUTTOSTO CHE UNA MALEDIZIONE, CAMBIERA' TUTTO IL NOSTRO ASSETTO MENTALE. SCARDINIAMO LE CONVINZIONI NOCIVE E SOSTITUIAMOLE CON QUELLE POSITIVIE
Se ci troviamo in questa situazione magari è perchè non stavamo più bene con noi stessi e che quindi abbiamo bisogno di un cambiamento profondo, DI UNA MUTA!
Pensiamo ai serpenti o ad un granchio quando devono cambiare il loro rivestimento esterno devono cacciare via quello vecchio e rimanere nudi alle intemperie! pensate a quanto potrebbe fare male, ma per loro faceva più male restare all'interno di un involucro stretto che non gli permetteva di crescere ed evolversi.
DOBBIAMO ANDARE INCONTRO ANCHE NOI AD UNA MUTA, BUTTIAMO VIA IL VECCHIO INVOLUCRO,
QUALCUNO LI SU' CI STA DANDO L'OPPORTUNITA' DI ESSERE DELLE PERSONE MIGLIORI DI PORCI DEGLI INTERROGATIVI PER DARCI NUOVE RISPOSTE PIU' GIUSTE PER NOI.
cambiare fa male, è impegnativo e faticoso ma pensiamo al risultato finale alla persona forte, determinata che potremmo diventare alla bellissima vita che potremmo avere.
Io ne sono certa tutto questo sarà solo un ricordo..


scusate la lunghezza ma da tempo volevo scrivere questo post. se ci fosse zanji magari sarebbe orglioso anche di me wub.gif


--------------------
La vita è per tutti ma la felicità è solo per i coraggiosi.
PMEmail Poster
Top
 
Zommy The Fighter
Inviato il: Domenica, 17-Nov-2019, 22:40
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.888
Utente Nr.: 1.001
Iscritto il: 21-Feb-2008



QUOTE (Darschy @ Martedì, 12-Nov-2019, 12:15)
QUOTE (rebirth @ Lunedì, 11-Nov-2019, 20:46)

Quali sono i cardini principali per uscire definitivamente da questo disturbo?

NON METTERE IN ATTO COMPULSIONI


&

CORREGGERE I BIAS COGNITIVI



basta, è tutto qui. Poi su ognuna di queste due sentenze si potrebbero scrivere libri (e di sicuro lo hanno fatto). Ma alla fine è tutto qui.

Non compulsare, in primis, e poi correggere le idee del cazzo.


E perché sono un fan della sintesi sintetizzo il bel post di Max: IL CONTENUTO DELL'OSSESSIONE NON CONTA PSICO-green.gif

Mi ritrovo in pieno con Darschy, penso davvero siano quelli i punti cardini.

Se mi permetti però Darschy, vorrei aggiungere un ulteriore elemento e piazzarlo a monte.

(1) Imparare a gestire e normalizzare l'ansia, perchè voi tutti sapete che con un livello più ridotto di ansia le cose si vedono con maggiore lucidità
(2) Compulsion management (concedetemi l'inglesismo visto che sono mezzo americano PSICO D.gif )
(3) Lavoro sulle distorsioni cognitive


--------------------
E' se c'è un segreto è fare tutto come se vedessi solo il sole; un segreto è fare tutto come se vedessi solo il sole

IO NE SONO USCITO E SONO UN UOMO MIGLIORE....ORA E' IL TUO TURNO

Relabel...Reattribute...Refocus...Revalue

Affronta le tue paure accettando il possibile rischio insito in esse
PM
Top
 
giovannalapazza
Inviato il: Lunedì, 18-Nov-2019, 11:13
Quote Post


Amministratrice Socratica
********


Messaggi: 59.051
Utente Nr.: 38
Iscritto il: 02-Lug-2007



bravi, bravissimi ! complimenti sia a rebirth che a zommy


--------------------
See me
Se ti senti triste vai qui: http://vibrisse.tumblr.com/


Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea


visitate la nuova cartella: vincere le ossessioni
PM
Top
 
John Nash 95
Inviato il: Lunedì, 18-Nov-2019, 17:49
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 5
Utente Nr.: 19.587
Iscritto il: 14-Nov-2019



Ragazzi non so se a voi sia capitato ma insomma dopo 3 mesi in cui la metà di fase acutissima direi,l'ansia giornaliera è andata ad eliminarsi. Anche la mia psicologa ha detto di "Lasciar stare e fare le cose" (premetto che è un mese che vivo nel completo immobilismo, ho un'apatia spropositata con tanto di inappetenza, e indolenza verso ogni sfera della mia vita sessuale ed universitaria). Insomma io faccio o almeno provo anche se ancora non l'ho realmente e totalmente fatto a continuare a vivere anzi sono paralizzato, però non capisco l'anisa giornaliera è quasi andata via, esco ma provo questo senso di ansia,imbarazzo non lo so a stare in mezzo ai miei amici di una vita, in palestra (cosa ancora più assurdfa in quanto io da culturista in palestra ci sono cresciuto e mai avuto insomma problemi) ed in più questa totale indifferenza verso le donne che ho da sempre amato (un caso curioso riguarda una ragazza che sono 15 anni che stravedo per lei ed ora in questo periodo è come se quel qualcosa non vi fosse più). Voi più esperti o anche chi fortunatamente ne è uscito sapete dire se fa parte del percorso. Lo ammetto miglioramenti ce ne sono sarei un bugiardo a non dirlo però insomma voglio dire mi sembra assurdo dopo 24 anni da etero al massimo ritrovarsi dopo una mia semplice frase in seguito ad una grande delusione e periodo srtressante, a non provare nulla per un qualcosa che si è sempre amato. In parole povere... sto migliorando l'anisa diminuisce ma ad oggi se mi chiedono per dire "ti piace quella ragazza?" (se pur bellissima) io non so rispondere è come se avessi dimenticato tutto.
PMEmail Poster
Top
 
Nefertari
Inviato il: Mercoledì, 20-Nov-2019, 03:46
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 245
Utente Nr.: 19.464
Iscritto il: 25-Lug-2019



QUOTE (John Nash 95 @ Lunedì, 18-Nov-2019, 16:49)
Ragazzi non so se a voi sia capitato ma insomma dopo 3 mesi in cui la metà di fase acutissima direi,l'ansia giornaliera è andata ad eliminarsi. Anche la mia psicologa ha detto di "Lasciar stare e fare le cose" (premetto che è un mese che vivo nel completo immobilismo, ho un'apatia spropositata con tanto di inappetenza, e indolenza verso ogni sfera della mia vita sessuale ed universitaria). Insomma io faccio o almeno provo anche se ancora non l'ho realmente e totalmente fatto a continuare a vivere anzi sono paralizzato, però non capisco l'anisa giornaliera è quasi andata via, esco ma provo questo senso di ansia,imbarazzo non lo so a stare in mezzo ai miei amici di una vita, in palestra (cosa ancora più assurdfa in quanto io da culturista in palestra ci sono cresciuto e mai avuto insomma problemi) ed in più questa totale indifferenza verso le donne che ho da sempre amato (un caso curioso riguarda una ragazza che sono 15 anni che stravedo per lei ed ora in questo periodo è come se quel qualcosa non vi fosse più). Voi più esperti o anche chi fortunatamente ne è uscito sapete dire se fa parte del percorso. Lo ammetto miglioramenti ce ne sono sarei un bugiardo a non dirlo però insomma voglio dire mi sembra assurdo dopo 24 anni da etero al massimo ritrovarsi dopo una mia semplice frase in seguito ad una grande delusione e periodo srtressante, a non provare nulla per un qualcosa che si è sempre amato. In parole povere... sto migliorando l'anisa diminuisce ma ad oggi se mi chiedono per dire "ti piace quella ragazza?" (se pur bellissima) io non so rispondere è come se avessi dimenticato tutto.

L'ansia ti ha offuscato ogni tipo di sensazione vera, annullandotela apparentemente. Stessa cosa capita a me...
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (2) 1 [2]  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0959 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]