Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Doc, Depressione E Suicidio, Sono distrutto
 
Uomo_Distrutto
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 01:57
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 32
Utente Nr.: 19.174
Iscritto il: 04-Dic-2018



Mi trovo in una fase in cui sono afflitto da una fortissima depressione.. dovuta soprattutto a quello che mi ha fatto passare il doc, il tempo e gli anni che mi ha sottratto con le sue torture mentali, con i suoi inganni. Ho buttato anni a lavarmi inutilmente come un matto, sprecando il mio prezioso tempo in estenuanti, logoranti e sottolineo inutili rituali di lavaggio che mi occupavano tutta la giornata e per cosa poi... per raggiungere un qualcosa di inutile, un ideale di perfezione, di pulizia "impeccabile" che esisteva solamente nella mia schifosa testa di cazzo, non nella realtà. Mi sono fatto mettere in ginocchio da questa ripugnante, maledetta e sadica malattia che ha letteralmente devastato la mia vita facendomi fallire all'università, fallire con le ragazze, insomma distruggendo tutto, mandando in fumo tutti i miei sogni. E ora mi ritrovo a 22 anni, quasi 23, che sono un fallito, uno scarto umano, con una vita distrutta. Vedo la mia esistenza completamente devastata e ciò ha innescato in me una devastante depressione. Penso ogni giorno al suicidio e a quanto mi convenga farla finita piuttosto che continuare a soffrire per colpa dei danni che il doc ha fatto a me, alla mia vita e alla mia mente. Ciò mi ha portato ad abusare di alcol e nicotina. Sono distrutto, non ho energie per fare nulla, mi sento un relitto umano, e la mattina non trovo nemmeno le forze per alzarmi dal letto. Sono disperato, devastato, ridotto in mille pezzi. Ho dovuto sopportare una vita di completa sofferenza per colpa di questo disturbo micidiale. Vorrei morire, non essere mai esistito.
PMEmail Poster
Top
 
Genny96
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 15:17
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 153
Utente Nr.: 19.165
Iscritto il: 25-Nov-2018



Fermo, ti segue qualcuno?
È passato il doc?
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
 
Sarabanda83
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 15:55
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 176
Utente Nr.: 19.539
Iscritto il: 30-Set-2019



Ascolta, anche io mi sono sentita così e ti garantisco che se tieni duro lo superi questo momento. Pensa a chi ti vuole bene
PMEmail Poster
Top
 
Uomo_Distrutto
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 19:04
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 32
Utente Nr.: 19.174
Iscritto il: 04-Dic-2018



QUOTE (Genny96 @ Sabato, 02-Nov-2019, 14:17)
Fermo, ti segue qualcuno?
È passato il doc?

Ciao, sì sono seguito per ora da una psichiatra al csm, quindi nel pubblico. Prendo Paroxetina al dosaggio giornaliero di 40 mg, ma non mi sta facendo più nulla, sono sempre depresso, senza energie e vorrei morire... e andare in visita da questa psichiatra mi sta risultando ormai inutile, non fa altro che riempirmi di frasi fatte, come non mollare, tutto passerà, trova la forza dentro di te... ma che diavolo significa? É una vita che non mollo, ho affrontato il doc e ho superato mille ossessioni che mi devastavano la mente, e ancora ste frasette del cazzo mi sento dire, poi da un qualcuno che dovrebbe curarmi? Quando è che invece potrò essere sereno e assoporarmi un pò la vita? Mah, forse mai, sarò sereno e in pace solo quando sarò morto.
Per quanto riguarda il doc, i benefici migliori li ebbi con una psicoterapia cognitivo comportamentale che ho fatto fino a 8 mesi fa ma che ho dovuto interrompere per motivi economici.. i farmaci mi hanno dato molto meno, forse mi hanno ridotto l'ansia. Comunque di doc soffro ancora purtroppo, anche se è meno grave di prima.
PMEmail Poster
Top
 
Uomo_Distrutto
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 19:06
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 32
Utente Nr.: 19.174
Iscritto il: 04-Dic-2018



QUOTE (Sarabanda83 @ Sabato, 02-Nov-2019, 14:55)
Ascolta, anche io mi sono sentita così e ti garantisco che se tieni duro lo superi questo momento. Pensa a chi ti vuole bene

Non so, ti ringrazio per l'esortazione, ma mi sento molto solo e non penso che a nessuno importi nulla di me. Poi la mia famiglia per dire è stata la causa scatenante del doc quindi...
PMEmail Poster
Top
 
Genny96
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 19:18
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 153
Utente Nr.: 19.165
Iscritto il: 25-Nov-2018



In che senso la tua famiglia è stata la causa scatenante??
PMEmail Poster
Top
 
Uomo_Distrutto
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 20:22
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 32
Utente Nr.: 19.174
Iscritto il: 04-Dic-2018



QUOTE (Genny96 @ Sabato, 02-Nov-2019, 18:18)
In che senso la tua famiglia è stata la causa scatenante??

Per l'educazione rigida che mi hanno dato, i continui rimproveri violenti per cose minime, le violenze psicologiche e punizioni fisiche esagerate quando ero bambino... poi non so se siano la causa scatenante del doc ma anche lo psicoterapeuta che mi seguiva mi disse che queste cose hanno influito molto sullo svilupparsi della patologia
PMEmail Poster
Top
 
Genny96
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 21:34
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 153
Utente Nr.: 19.165
Iscritto il: 25-Nov-2018



Cosa ne pensi se ti dicessi (pur non avendo pretese da laureando in psicologia) che potrebbe darsi che tu ti veda ancora come quel bambino, e che veda gli altri come i tuoi?
Il fatto che ti disprezzi potrebbe essere derivato dal disprezzo che credi i tuoi provassero per te (sto solo ipotizzando orientativamente).
Se fosse così dovresti forse sforzarti di capire che non sei più quel bambino e non ci sono sempre i tuoi davanti i tuoi occhi. Non hai fatto nulla per autopunirti né tanto meno per essere punito.
PMEmail Poster
Top
 
Kirua
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 22:02
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 13
Utente Nr.: 19.550
Iscritto il: 08-Ott-2019



QUOTE (Uomo_Distrutto @ Sabato, 02-Nov-2019, 19:22)
QUOTE (Genny96 @ Sabato, 02-Nov-2019, 18:18)
In che senso la tua famiglia è stata la causa scatenante??

Per l'educazione rigida che mi hanno dato, i continui rimproveri violenti per cose minime, le violenze psicologiche e punizioni fisiche esagerate quando ero bambino... poi non so se siano la causa scatenante del doc ma anche lo psicoterapeuta che mi seguiva mi disse che queste cose hanno influito molto sullo svilupparsi della patologia

Uguale fra, sempre picchiato da mio padre per ogni minima cosa. Anche dicendo una parolaccia, o se mi lamentavo per qualsiasi cosa, ricevevo un sacco di botte e basta.

Ma pensala così. Adesso tu non dargli l'affetto che non si meritano, non cercarli, non rivolgergli la parola se non per situazioni strettamente necessarie. Questo li farà pentire come non mai, e capiranno che ormai è troppo tardi per iniziare un rapporto con te. Con me sta funzionando (stessa età tua)
PMEmail Poster
Top
 
Felix
Inviato il: Sabato, 02-Nov-2019, 22:26
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.382
Utente Nr.: 2.034
Iscritto il: 10-Ago-2008



Non perdete tempo con inutili vendette nei confronti dei genitori. Quel che è fatto è fatto: perdonate e andate avanti. Non serve a niente continuare a provare astio.
PM
Top
 
Uomo_Distrutto
Inviato il: Domenica, 03-Nov-2019, 22:02
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 32
Utente Nr.: 19.174
Iscritto il: 04-Dic-2018



QUOTE (Genny96 @ Sabato, 02-Nov-2019, 20:34)
Cosa ne pensi se ti dicessi (pur non avendo pretese da laureando in psicologia) che potrebbe darsi che tu ti veda ancora come quel bambino, e che veda gli altri come i tuoi?
Il fatto che ti disprezzi potrebbe essere derivato dal disprezzo che credi i tuoi provassero per te (sto solo ipotizzando orientativamente).
Se fosse così dovresti forse sforzarti di capire che non sei più quel bambino e non ci sono sempre i tuoi davanti i tuoi occhi. Non hai fatto nulla per autopunirti né tanto meno per essere punito.

Credo sia proprio così, è come se avessi interiorizzato la critica distruttiva e devastante che mi ha fatto negli anni la mia maledetta famiglia, soprattutto mio padre, che quando ero bambino mi ha fatto pure abusi fisici. Sento che sbaglio in continuazione, che faccio tutto male, che ogni azione che svolgo non la svolgo nel modo in cui andrebbe svolta, una "voce" interna di critica costante concretizzata in questi pensieri infernali che mettono in dubbio tutto ciò che io faccio... e ciò mi porta a ripetere qualsiasi azione innumerevoli volte. Quindi penso che è come hai detto tu, ti ringrazio per la tua risposta.
PMEmail Poster
Top
 
Uomo_Distrutto
Inviato il: Domenica, 03-Nov-2019, 22:06
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 32
Utente Nr.: 19.174
Iscritto il: 04-Dic-2018



QUOTE (Kirua @ Sabato, 02-Nov-2019, 21:02)
QUOTE (Uomo_Distrutto @ Sabato, 02-Nov-2019, 19:22)
QUOTE (Genny96 @ Sabato, 02-Nov-2019, 18:18)
In che senso la tua famiglia è stata la causa scatenante??

Per l'educazione rigida che mi hanno dato, i continui rimproveri violenti per cose minime, le violenze psicologiche e punizioni fisiche esagerate quando ero bambino... poi non so se siano la causa scatenante del doc ma anche lo psicoterapeuta che mi seguiva mi disse che queste cose hanno influito molto sullo svilupparsi della patologia

Uguale fra, sempre picchiato da mio padre per ogni minima cosa. Anche dicendo una parolaccia, o se mi lamentavo per qualsiasi cosa, ricevevo un sacco di botte e basta.

Ma pensala così. Adesso tu non dargli l'affetto che non si meritano, non cercarli, non rivolgergli la parola se non per situazioni strettamente necessarie. Questo li farà pentire come non mai, e capiranno che ormai è troppo tardi per iniziare un rapporto con te. Con me sta funzionando (stessa età tua)

Mi spiace per quello che hai passato, appunto non li perdonerò mai per quello che mi hanno causato. In poche parole sono stati la mia rovina, mi hanno messo in un mondo schifoso, di merda e poi mi hanno causato questo merdoso disturbo infernale, che mi sta portando al suicidio.
PMEmail Poster
Top
 
Uomo_Distrutto
Inviato il: Domenica, 03-Nov-2019, 22:08
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 32
Utente Nr.: 19.174
Iscritto il: 04-Dic-2018



QUOTE (Felix @ Sabato, 02-Nov-2019, 21:26)
Non perdete tempo con inutili vendette nei confronti dei genitori. Quel che è fatto è fatto: perdonate e andate avanti. Non serve a niente continuare a provare astio.

Non riesco a perdonarli, anche volendo, ho sofferto troppo a causa loro.
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.1987 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]