Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Abbandonata Da Bambina, Pago Ancora Le Conseguenze
 
arikara
Inviato il: Martedì, 31-Mag-2016, 12:55
Quote Post


Membro Junior
*


Messaggi: 57
Utente Nr.: 17.048
Iscritto il: 27-Mag-2016



All'età di tre anni mia madre ha abbandonato me, mia sorella di 4 anni, mio fratello di pochissimi mesi e due miei fratelli di 9 e 10 anni. Ci ha lasciati soli in casa di lunedì mentre mio padre era al lavoro in trasferta fuori città.
Al venerdì è tornato mio padre e ci ha trovati in condizioni disumane, con mio fratello di pochi mesi morto di stenti. Non avevamo da mangiare, il bagno era fuori dall'appartamento ma eravamo chiusi dentro a chiave.
Sono arrivati polizia e assistenti sociali.
Me e mia sorella ci hanno portato in un istituto, i miei fratelli più grandi sono andati da mia zia.
Siamo state adottate da due persone meravigliose che purtroppo sono però già decedute...
Ora sono adulta, ho 43 anni, due figli di 12 e 19 anni, sono disabile in carrozzina e soffro, soffro tanto.
Mia madre vera l'ho trovata, si è rifatta una vita e ha fatto altri 4 figli e chiamati come noi (quelli rimasti vivi). Non le interessa nulla di me, come anche a me del resto...
Però a dire dal mio psicologo, io sto pagando ancora le conseguenze.
Ho un problema dissociativo con idee e agiti autolesivi.
Mi voglio punire per non ho ancora capito che cosa...
Ho fatto diversi TS alcuni molto gravi, sono sempre in ansia, giù di morale, triste.
Lavoro ma non riesco a concentrarmi molto.
Non ho accettato nemmeno la malattia che mi ha portato alla carrozzina.
Non vedo via di uscita, sono in cura dal 2002 con terapia farmacologica con scarsi risultati.
Ci sarà un miglioramento? Non ne posso più...
PMEmail Poster
Top
 
Cecilia
Inviato il: Martedì, 31-Mag-2016, 15:16
Quote Post


Cecinuotatrice
**


Messaggi: 1.001
Utente Nr.: 15.787
Iscritto il: 29-Lug-2015



Quindi sei in cura sia dal punto di vista farmacologico sia dal punto di vista psicoterapico?
Continua su questa strada, non mollare, il ricordo del passato ci sarà sempre, prova a concentrarti sulla tua vita presente, sulle cose positive che hai raggiunto nella tua vita nonostante le difficoltà: hai una famiglia, un lavoro, persone che ti vogliono bene.
Oltre al lavoro hai una vita sociale?
Hai mai pensato di rivolgerti ad un'associazione per sentirti meno sola?
Anche io ho un handicap motorio (cammino ma con difficoltà) e sia un'associazione (che tratta il disturbo psicologico) sia lo sport mi stanno aiutando molto ad uscire dal mio guscio.
Potresti provare entrambe le cose. PSICO smile.gif


--------------------
Sempre così smisuratamente perduta ai margini della vita reale: difficilmente la vita reale mi avrà e se mi avrà sarà la fine di tutto quello che c’è di meno banale in me.
Antonia Pozzi

PM
Top
Adv
Adv














Top
 
blake
Inviato il: Martedì, 31-Mag-2016, 19:40
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 165
Utente Nr.: 12.062
Iscritto il: 10-Mag-2013



Un modo per stare meglio è uscire dal Sè . Io per esempio da quando faccio un corso per fare volontariato mi sento meglio perchè penso meno a me stesso e di più alla realtà esterna.


--------------------
«Se le porte della percezione fossero purificate, tutto apparirebbe all'uomo come in effetti è, infinito.»
William Blake

Un fratello chiese ad abba Matoes: "Cosa devo fare? La mia lingua mi procura afflizione: quando vado in mezzo agli uomini, non riesco a trattenerla, ma li giudico in rapporto alle opere buone e li accuso. Che cosa devo fare dunque?". L'anziano gli rispose: "Fuggi nella solitudine, perché questa è debolezza! Chi vive con dei fratelli, infatti, non deve essere un quadrato, ma un cerchio, per poter rotolare incontro a tutti". E aggiunge l'anziano: "Non per virtu` vivo in solitudine, ma per debolezza: forti, infatti, sono quelli che vanno in mezzo agli uomini".

Detti editi e inediti dei Padri del deserto
PMEmail Poster
Top
 
arikara
Inviato il: Mercoledì, 01-Giu-2016, 08:18
Quote Post


Membro Junior
*


Messaggi: 57
Utente Nr.: 17.048
Iscritto il: 27-Mag-2016



Non ho una vita sociale a parte il lavoro.
Quando finisco in ufficio mi chiudo in casa.
Ho pensato anch'io che sarebbe un bene provare a fare magari del volontariato, ma non conosco nessuno... mi sono chiusa completamente e ho perso tutti i contatti.
PMEmail Poster
Top
 
Cecilia
Inviato il: Mercoledì, 01-Giu-2016, 10:55
Quote Post


Cecinuotatrice
**


Messaggi: 1.001
Utente Nr.: 15.787
Iscritto il: 29-Lug-2015



So che in ogni regione c'è la "casa del volontariato", dovresti cercare su google se nella tua regione c'è, poi quando entri nel sito selezioni la tua provincia e ti dovrebbero comparire le varie associazioni di volontariato presenti, ne scegli una e li contatti.


--------------------
Sempre così smisuratamente perduta ai margini della vita reale: difficilmente la vita reale mi avrà e se mi avrà sarà la fine di tutto quello che c’è di meno banale in me.
Antonia Pozzi

PM
Top
 
giovannalapazza
Inviato il: Mercoledì, 01-Giu-2016, 22:46
Quote Post


Amministratrice Socratica
********


Messaggi: 58.999
Utente Nr.: 38
Iscritto il: 02-Lug-2007



è una storia tremenda, assurda
mi si è stretto lo stomaco

come mai sei in carozzina e da quando?


--------------------
See me
Se ti senti triste vai qui: http://vibrisse.tumblr.com/


Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea


visitate la nuova cartella: vincere le ossessioni
PM
Top
 
arikara
Inviato il: Mercoledì, 01-Giu-2016, 22:56
Quote Post


Membro Junior
*


Messaggi: 57
Utente Nr.: 17.048
Iscritto il: 27-Mag-2016



Sono disabile dal 21 ottobre 2001 a seguito di una malformazione al cervelletto che dopo uno sforzo è sceso ed ha compresso il midollo. Ho fatto anche un intervento alla testa ma la lesione ormai si era formata.
PMEmail Poster
Top
 
matteo1990
Inviato il: Domenica, 17-Lug-2016, 20:27
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 6
Utente Nr.: 16.019
Iscritto il: 14-Set-2015



QUOTE (arikara @ Martedì, 31-Mag-2016, 11:55)
All'età di tre anni mia madre ha abbandonato me, mia sorella di 4 anni, mio fratello di pochissimi mesi e due miei fratelli di 9 e 10 anni. Ci ha lasciati soli in casa di lunedì mentre mio padre era al lavoro in trasferta fuori città.
Al venerdì è tornato mio padre e ci ha trovati in condizioni disumane, con mio fratello di pochi mesi morto di stenti. Non avevamo da mangiare, il bagno era fuori dall'appartamento ma eravamo chiusi dentro a chiave.
Sono arrivati polizia e assistenti sociali.
Me e mia sorella ci hanno portato in un istituto, i miei fratelli più grandi sono andati da mia zia.
Siamo state adottate da due persone meravigliose che purtroppo sono però già decedute...
Ora sono adulta, ho 43 anni, due figli di 12 e 19 anni, sono disabile in carrozzina e soffro, soffro tanto.
Mia madre vera l'ho trovata, si è rifatta una vita e ha fatto altri 4 figli e chiamati come noi (quelli rimasti vivi). Non le interessa nulla di me, come anche a me del resto...
Però a dire dal mio psicologo, io sto pagando ancora le conseguenze.
Ho un problema dissociativo con idee e agiti autolesivi.
Mi voglio punire per non ho ancora capito che cosa...
Ho fatto diversi TS alcuni molto gravi, sono sempre in ansia, giù di morale, triste.
Lavoro ma non riesco a concentrarmi molto.
Non ho accettato nemmeno la malattia che mi ha portato alla carrozzina.
Non vedo via di uscita, sono in cura dal 2002 con terapia farmacologica con scarsi risultati.
Ci sarà un miglioramento? Non ne posso più...

Ciao a quanto ho capito io tu soffri ancora oggi per l'abbandono da parte di tua madre perché si è attivato un meccanismo inconscio tramite il quale vedi il mondo ostile. Ciò è dato dal fatto che i genitori sono punti di riferimento fondamentali tramite i quali ci organizziamo la conoscenza del mondo, regoliamo le nostre emozioni e altri processi come questi (che sono molti) ed è automatico quindi che se mancano essi si innescano problemi a livello psicologico che si ripercuotono sulla vita di tutti i giorni. Ma lo psicologo in merito cosa ti ha detto?
PMEmail Poster
Top
 
arikara
Inviato il: Martedì, 23-Mag-2017, 09:16
Quote Post


Membro Junior
*


Messaggi: 57
Utente Nr.: 17.048
Iscritto il: 27-Mag-2016



Lo psicologo dice che l'abbandono ha segnato la mia vita ed ora ad ogni rifiuto o frustrazione "rivivo" l'abbandono e sto male...cercando di farmi del male.
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.1504 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]