Powered by Invision Power Board



Pagine : (25) [1] 2 3 ... Ultima »  ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Sfogo Personale!, Su quella merda di famiglia!!!
 
Betola
Inviato il: Martedì, 19-Mar-2013, 17:05
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.052
Utente Nr.: 11.649
Iscritto il: 14-Feb-2013



Buongiorno a tutti ragazzi.
Oggi sto veramente giu, come sempre d altronde, ma oggi peggio.
Io non ho niente che mi soddisfi, solo dispiaceri, la famiglia a puttane.
Credevo che nell adolescenza potesse succedere, credevo anche che i genitori potessero aiutare.
Mia madre si fa vedere pochi giorni al mese, si lamenta di tutto, con lei non si puo discutere, di niente.
Eh pero lei con sua madre lo fa, cosi pensa che sia io quella sbagliata.
Beh, non sa di avere una fortuna enorme ad avere una madre come quella che ha, che la sopporta, che la rassicura.
Tanto lei sa che avra sempre vitto e alloggio e soldi quando e come vuole.
Perche tanto sa anche se non le voltera mai le spalle, proprio come lei ha fatto con me.
Mio padre lo vedo poco.
Ma per me piu che altro interesserebbe avere rapporti con mia madre, ma qualsiasi cosa, anche solo un cenno, una telefonata.
Si lamenta che mio padre l unica cosa che fa e telefonarmi una volta a sera, quando lei invece nemmeno fa quello.
Si lamenta che mio padre non versa i soldi, ma tanto di quei soldi non me ne fa vedere una lira.
Dice al mio ragazzo di trattarmi bene, quando lei e la prima che mi offende.
E nulla fa piu male delle parole di una madre.
Per me e una persona estranea, mi dispiace dirlo, ma non ce la faccio.
Io non la riconosco piu come madre, mi sento a disagio quando sono con lei.
Malgrado questo, cerco di far di tutto, andare bene a scuola, stare brava a casa, anche se lei non ce, ma non mi chiede quasi nulla.
Proprio non le interesso.
Ma come lei non interessa a me.
Solo che se io non interesso a lei, allora tutto bene, sono io la stronza.
Ma se lei non interessa a me, o provo quasi odio nei suoi confronti, lei e la poverina che davanti alla mamma si mette a piangere, mentre poi io sempre la stronza.
Una volta ero talmente tanto stressata che avevo la gastrite, ma cercavo di non dare problemi con i miei problemi, infatti nessuno se ne accorto.
Di questo passo, non mi arrivera mai il ciclo.
(Soffro di Doc, paura di rimanere incinta (sono vergine))
Ho la colpa di tutto, e sempre stato cosi.
Vivevo con lei, e mi diceva che ci avrebbe fatto fuori tutti, prima mio padre e poi me.
Dopo la separazione, me ne sono andata di casa perche non era piu possibile vivere.
Erano solo botte, minacce ed insulti.
Conclusione, ora lei e rimasta sola.
Credo davvero che si siano persone che hanno tutto e che non si meritano niente.
Spero che un giorno capisca che sta sbagliando.
Ma tanto finche non ha il parere della mamma, che tanto le dara sempre ragione, sara sempre cosi.
Ma almeno prendesse un po esempio da sua madre cavolo.
Lei non mi motiva in niente, critica sempre solo.
E appena sono un po felice, mi crolla il mondo addosso, come sempre.
Inizio a non farcela davvero piu.
Solo gelosa anche del mio ragazzo, di sua madre.
Di mia madre, con sua madre.
Spero solo che questi anni dell adolescenza passino in fretta, piu in fretta possibile.
A diciotto anni ho intenzione di fare denuncia contro questa persona.
Che non mi ha mai dato niente, che mai mi dara niente.
E una cosa tra me e lei ormai.
Richiedero un risarcimento morale, in denaro.
Ma non per me, magari da dare in beneficenza a qualche casa famiglia.
Ci sono troppe persone di merda al mondo.


--------------------
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.

Si vis pacem, para bellum - si vis vitam, para mortem

Canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.
PMEmail Poster
Top
 
Betola
Inviato il: Lunedì, 27-Mag-2013, 22:53
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.052
Utente Nr.: 11.649
Iscritto il: 14-Feb-2013



QUOTE (soexcoffee @ Giovedì, 21-Mar-2013, 19:04)
A me i genitori mi hanno fatto ammalare di ansia, panico e depressione... volevo citarli in causa ma nulla da fare, se non ci sono episodi comprovati ( tipo referti medici che ti ha picchiata o referti di shock emotivi DA RICOVERO AL PRONTO SOCCORSO che hai subito a causa sua ) non puoi fare nulla... oltretutto per fare una bella causa con risarcimento di questi referti ne devi collezionare un bel po, non te ne bastano un paio.

Per la cosa della quantita non ce problema davvero, ne ho da vendere.
Ma trovo veramente ingiusto che non si possa fare niente, che debba soffrire per persone che non meritano le gioie della vita, che malgrado tutto, continuano a ricevere.
Trovo ingiusto che alle persone cosi venga sempre concesso tutto, mentre a quelle impotenti venga concesso sempre e solo di star male.
Mi trattano come una bestia, come un gioco, ho problemi psicologici piu grandi di me, squilibri che non riesco nemmeno a misurare, malinconia continua, ma nessuno se ne accorge.
Ma quando provo a parlare mai nessuno ha tempo per me, perche ce sempre qualcuno o qualcosa di piu importante.
Insomma ormai ho capito, vengo dopo le persone, dopo gli animali, dopo il lavoro, dopo le uscite con gli amici e la pulizia della casa.
Ma malgrado abbia capito non riesco ad accettare, non mi sento amata e non so nemmeno cosa vuol dire, forse non ho mai saputo il significato di questa parola.
A parte questo, non ho niente in cui rifugiarmi, sport, strumenti musicali, hobby, niente di niente.
Credo di avere veramente il cuore stanco.
Sono stufa di vivere in perenne stand by.


--------------------
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.

Si vis pacem, para bellum - si vis vitam, para mortem

Canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
 
Betola
Inviato il: Domenica, 02-Giu-2013, 11:40
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.052
Utente Nr.: 11.649
Iscritto il: 14-Feb-2013



Le cose vanno sempre peggio, veramente.
Sono credente, credo in Dio, so che da fedele non dovrei mai mollare ma, non so piu davvero cosa fare, forse credo solo perche non ho piu niente, ed ho bisogno di credere per colmare i miei vuoti.


--------------------
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.

Si vis pacem, para bellum - si vis vitam, para mortem

Canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.
PMEmail Poster
Top
 
gentileschi
Inviato il: Lunedì, 10-Giu-2013, 12:36
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 752
Utente Nr.: 8.665
Iscritto il: 19-Ago-2011



Cara Betola.
cosa risolverebbe il fatto di vedere tua madre incriminata per maltrattamento??
Nulla!, nn la farebbe cambiare come persona.

Devi essere tu ad essere più grande di Lei e cambiare....
Tu sei più razionale e consapevole di tutto, lei invece si nasconde dietro al vittimismo e alle gambe della mamma.


Mi chiedi come superare tutto??
Facile a dirsi, difficile a farsi, ma la soluzione c'è.

Pensare a te stessa. rinunciare a ciò che nn potrai mai avere, per avere invece ciò che potresti.
l'amore per te stessa, il rispetto...

soffrire per un amore impossibile distrugge e logora la nostra persona, ne vale la pena??

devi lavorare sulla tua persona.
autostima.
assertività.
rabbia.

Conosco tutto di ciò di cui hai parlato...l'ho vissuto anche io.
ma oggi sono concentrata su di me.
Ho imparato ad abbracciarmi quando mi sento sola.
Do affetto e lo prendo da chi me lo da.

Viviti il tuo amore.
Soffri di doc, ti stai curando? tutto questo tuo dolore si esprime con questo disturbo...dimentica gli altri e concentrati su di te....


--------------------
user posted image
Se smetti di preoccuparti per ciò che gli altri provano nei tuoi confronti e ti concentri soltanto su ciò che tu provi per loro, capirai sino in fondo chi sei veramente e scoprirai cos’è l’autentica libertà.[/SIZE][/color]


Se vuoi fare un passo avanti, devi perdere l’equilibrio per un attimo.


Non sono solo ira e dolore... forza io sono di pietra pensosa, allegria di mani insieme allacciate. Infine, sono libero entro gli esseri. E tra gli esseri, come l'aria vivo, e dalla solitudine assediata esco verso il folto delle battaglie a conquistare gioie indomabili.





Comincerete a prendere in seria considerazione la follia quando per la prima volta essa vi tornerà utile per risolvere i vostri problemi da persona normale. (S.Freud)
PMEmail Poster
Top
 
Betola
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2013, 11:49
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.052
Utente Nr.: 11.649
Iscritto il: 14-Feb-2013



Hai sicuramente ragione, ma sono giovane e cerco sempre un appiglio nella famiglia, o quel che ne resta, per rendere partecipi tutti.
Per la maggior parte del tempo non ci penso e faccio le mie cose senza rendere conto a nessuno, ma poi magari nel preciso istante in cui vorrei raccontare qualcosa oppure aprire un discorso, sono sempre tutti troppo impegnati per me e quindi mando al diavolo e mi demoralizzo.


--------------------
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.

Si vis pacem, para bellum - si vis vitam, para mortem

Canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.
PMEmail Poster
Top
 
gentileschi
Inviato il: Giovedì, 27-Giu-2013, 13:05
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 752
Utente Nr.: 8.665
Iscritto il: 19-Ago-2011



puoi trovare attenzione da qualcuno quì nel forum,
in qualche amica...guardati intorno nn sei sola!!


--------------------
user posted image
Se smetti di preoccuparti per ciò che gli altri provano nei tuoi confronti e ti concentri soltanto su ciò che tu provi per loro, capirai sino in fondo chi sei veramente e scoprirai cos’è l’autentica libertà.[/SIZE][/color]


Se vuoi fare un passo avanti, devi perdere l’equilibrio per un attimo.


Non sono solo ira e dolore... forza io sono di pietra pensosa, allegria di mani insieme allacciate. Infine, sono libero entro gli esseri. E tra gli esseri, come l'aria vivo, e dalla solitudine assediata esco verso il folto delle battaglie a conquistare gioie indomabili.





Comincerete a prendere in seria considerazione la follia quando per la prima volta essa vi tornerà utile per risolvere i vostri problemi da persona normale. (S.Freud)
PMEmail Poster
Top
Marco89
Inviato il: Domenica, 18-Ago-2013, 15:18
Quote Post


Unregistered









Cara Betola a te va tutto il mio affetto PSICO hug.gif
Mi fa sempre una rabbia atroce ogni volta che leggo questi post dove i genitori si credono i padroni indiscussi dei figli e che questi ultimi non hanno diritto ad una propria vita.
Come ti è già stato detto non credo che ricorrere alla giustizia sia conveniente, anche solo per i tempi e i costi che ci sono dietro, e una soluzione assoluta non c'è perchè finchè non cambierà tua madre la situazione sarà sempre questa e ogni volta ti farà stare sempre male.
Visto che nn è possibile cambiare gli altri l'unica cosa che puoi fare è modificare i tuoi atteggiamenti verso di lei.come?Devi diventare come un muro,qualunque cosa ti dica o ti faccia ti deve scivolare addosso come fosse vento..non le importa niente di te?'combattila'con la sua stessa medicina.
È facile a dirsi ma difficile a farsi ma è possibile..Io per esperienza personale ci sono riuscito grazie allo yoga e all'autointrospezione, ma necessita di tempo e di una grande sicurezza nelle proprie capacità.lavora su questo punto e allora tutto sarà possibile.bastano cinque minuti al giorno in cui respiri con calma o, ancora meglio, ti concedi un automassaggio..le sensazioni piacevoli che proverai appartengono solo a te e nessuno te le potrà togliere
Top
Marco89
Inviato il: Domenica, 18-Ago-2013, 15:24
Quote Post


Unregistered









Diventare un 'muro' però non significa diventare insensibili a tutto..ci sta che qualche volta ti arrabbierai, piangerai,gioirai ma è la vita e per quanto si possa cambiare ci saranno sempre dei momenti belli e brutti..ma cambierà il tuo modo di percepire il mondo.le cose belle diventeranno più luminose e calde e le cose brutte perderanno molta della loro forza.e come per magia le gioie della vita si faranno sempre più presenti e intensi PSICO smile.gif
Top
 
Betola
Inviato il: Lunedì, 19-Ago-2013, 21:51
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.052
Utente Nr.: 11.649
Iscritto il: 14-Feb-2013



Io non ce la faccio, a me la famiglia importa e credo di essere l unica qua che prova a tenerla su.
Provo a fare i discorsi, ma alla fine quando provo a spiegare io mi viene detto sempre si e che non hanno piu voglia di ascoltarmi, o di stare zitta.
Si ritorna sempre sul discorso di quando ero piccola, alla fine sono io che ho rovinato la vita agli altri ma nessuno si accorge di quanto male sto io ora.
Quando i miei genitori si sono separati mi hanno portato via da casa senza dirmi niente, ed ora ho paura che il mio ragazzo mi lasci senza dirmi niente, infatti soffro di Doc da relazione.
Boh non capisco.


--------------------
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.

Si vis pacem, para bellum - si vis vitam, para mortem

Canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.
PMEmail Poster
Top
abercrombie
Inviato il: Martedì, 20-Ago-2013, 19:28
Quote Post


Unregistered









bubolina PSICO hug.gif
ce la farai ..è normale aver paura di essere lasciati
dopo aver passato quello che hai passato tu tu a 15 anni!
Top
 
Betola
Inviato il: Mercoledì, 21-Ago-2013, 12:58
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.052
Utente Nr.: 11.649
Iscritto il: 14-Feb-2013



QUOTE (abercrombie @ Martedì, 20-Ago-2013, 18:28)
bubolina PSICO hug.gif
ce la farai ..è normale aver paura di essere lasciati
dopo aver passato quello che hai passato tu tu a 15 anni!

Io ho capito che e normale, peccato che quando cerco di spiegarlo non riesco a farlo capire agli altri Doh!.gif


--------------------
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.

Si vis pacem, para bellum - si vis vitam, para mortem

Canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.
PMEmail Poster
Top
 
Petra Von Kant
Inviato il: Mercoledì, 21-Ago-2013, 18:10
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 921
Utente Nr.: 12.411
Iscritto il: 15-Lug-2013



Spesso per autopunirmi penso alla donna che amo che mi tradisce con un uomo e che in quel momento pensa " CHI SE NE FREGA DI QUELLA, IO FACCIO QUELLO CHE SI DEVE E CHE E' GIUSTO FARE, LEI è UNA REIETTA, IO SCELGO L'UOMO PERCHè è MIGLIORE DI LEI". Il tutto in mezzo ad un mare di lacrime e sconforto.
PMEmail Poster
Top
 
PsychoExplorer
Inviato il: Giovedì, 29-Ago-2013, 13:35
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 172
Utente Nr.: 11.840
Iscritto il: 26-Mar-2013



QUOTE (Petra Von Kant @ Mercoledì, 21-Ago-2013, 17:10)
Spesso per autopunirmi penso alla donna che amo che mi tradisce con un uomo e che in quel momento pensa " CHI SE NE FREGA DI QUELLA, IO FACCIO QUELLO CHE SI DEVE E CHE E' GIUSTO FARE, LEI è UNA REIETTA, IO SCELGO L'UOMO PERCHè è MIGLIORE DI LEI". Il tutto in mezzo ad un mare di lacrime e sconforto.

Leggendo Betola e quest'ultimo commento di Petra non sono riuscito a trattenere un'emozione di solidarietà verso entrambe che pesca dal profondo. E per ciò ho deciso di esternarlo in questo post:

@Petra

cara petra, il doc è dura cosa e lo so

ma a te sento di dire che almeno hai una donna da amare...questo per me sarebbe già tanto poterlo pensare.

Di sentimenti ormai sono arido da un pezzo, cerco un lenitivo dando sfogo più alla sfera razionale che...checchè se ne dica alla fine ti convince che non ti tradirà mai.

Dedica tutte le attenzioni che puoi alla donna che ami e se puoi pala con lei di questi tuoi pensieri...alla fine la confidenza con qualcuno ho capito che è importante e serve sempre. Io l'ho capito tardi e ancora ho difficoltà.


@Betola

Sei ancora molto giovane, il mondo ti sembra contro ed aspro.

Ma non diffidare, troverai persone che sapranno volerti davvero bene e ti aiuteranno a dare un senso ai problemi che i tuoi genitori riversano su di te.

perchè ti capisco. Io, nonostante non sia più adolescente ho cmq ancora un sacco di problemi in famiglia che di certo non mi facilitano la vita.

I miei si sono separati da non molto, ero già adulto quando è successo, anche se forse loro non andavano più d'accordo da molto prima.

La differenza è che i loro problemi invece che estrinsecarsi in sfoghi rabbiosi e discorsi diretti (che oggi ritengo avrei preferito) sono sempre stati sfogati su di me con silenzi, discorsi metaforici a scopo manipolativo, sotterfugi, evitamenti, negazioni, orgogli mal celati, tentativi di condizionamento, bugie, mistificazioni della realtà e profusioni di incertezze create ad hoc per non ammettere colpe.

Sono cresciuto insicuro, ho dovuto affrontare un sacco di cose da solo e molte non sono mai riuscito ad affrontarle; ma ho capito una cosa: Le risorse mentali su cui possiamo fare affidamento sono davvero molto grandi e ho capito cosa significa avere forza di volontà, anche se sempre meno riesco ad attingerne.

I genitori, purtroppo, non si scelgono.

Fai tue le virtù della forza, della pazienza e della positività. Niente è impossibile.

A te sento di esprimere la più grande solidarietà di cui sono capace.
PMEmail Poster
Top
 
Betola
Inviato il: Venerdì, 30-Ago-2013, 23:26
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.052
Utente Nr.: 11.649
Iscritto il: 14-Feb-2013



Grazie per le risposte e per aver letto i miei sfoghi.
Da una parte mi fa piacere, ma non posso nascondere che un po mi fa rabbia che le uniche persone che mi capiscono io non le possa abbracciare, non possa averle in famiglia come hanno i miei amici, ma trovarle qua su un forum, ma forse e meglio.
Spero che le cose migliorino, perche io ce la metto tutta, ma sempre che piu mi impegno e piu le cose vanno storte.
Per ogni buona azione che faccio ce sempre una conseguenza brutta ad aspettarmi.
Credevo e sapevo che l adolescenza era un periodo difficile, ma per le cazzate da quindicenni e sedicenni!!!
Non per combattere questo genere di problemi.
Sono esattamente come le mie amiche, quello che vorrei si, ma molto piu complicata.
Loro soffrono per le banali cotte d amore e per i ragazzi che non le guardano, io ho il Doc.
Loro litigano con le loro madri perche non le fanno stare fuori fino a tardi, io litigo anche solo per salutarla mia madre.
Io non mi sento strana, ne trasgressiva, ne alternativa, ma nemmeno una ragazza comune.
Mi sento inutile, e uno strazio vederla cosi, non mi sento niente, alle mie amiche non lo posso dire perche non capirebbero, loro piu sono stronze, piu cambiano ragazzo, piu rifiutano cio che non gli va e piu hanno vestiti nuovi e piu stanno bene.
Io cerco di fare andare bene tutto a tutti, e non ho nulla.
Se ce un Dio da qualche parte o qualcosa di piu grosso di noi credo che sia abbastanza intelligente da punire solo chi se lo merita, e non capisco come mai a me questo.
Provo a prenderla con ironia, provo a tenermi stretto e farmi la casa con cio che ho, provo a vedere il lato positivo delle cose, ma a volte, quando mi metto a ragionare stretto, vedo che tutto va male per me, lo vedo e non posso negarlo.
Guardo la mia vita e mi accorgo di non poter nemmeno far un paragone con quella degli altri, ho amici che hanno perso un genitore va bene, ma hanno l altro che gli da tutto l amore possibile.
Altri che vivono male ovunque, ma a casa hanno sempre qualcuno su cui contare.
Altri che con i genitori non parlano, ma passano tutto il tempo nella loro camera a farsi gli affari loro, beh almeno loro hanno una camera.
Non dico di necessitarlo, ma mi piacerebbe avere una camera per me, e la cosa piu brutta e sapere di averla e non poterci andare.
Come ho gia detto vivo con i nonni, ora che e estate stiamo nella loro casa di campagna.
Una bella casa, io ho la mia stanza, non e enorme ma ho tutto cio che mi serve.
Ci sto tutto il tempo chiusa, non rompo le balle a nessuno, me la gestisco e me la pulisco.
Ma purtroppo tra pochi giorni dobbiamo tornare in citta e saro dinuovo chiusa in un salone tutto il giorno.
Torneranno le lamentele della roba in giro, non lo faccio apposta e che tra i libri di scuola e tutto a volta qualcosa in giro mi scappa ma perche non so dove metterlo.
Tornera il problema delle maglie sulle sedie, lo risolverei se avessi un armadio tutto mio.
Tutti problemi che qua non ci sono, ma nessuno che se ne accorge.
Cavolo mi serve un mio spazio, dove poter fare le mie cose in tranquillita, dove poter disegnare in santa pace, dove poter aprire anche due libri alla volta e lasciarli aperti per consultarli tutti e due insieme.
Vorrei un posto dove poter avere uno specchio enorme per provarmi tutti i vestiti che voglio, come fanno le mie amiche.
Vorrei per una volta non essere sempre ospitata dagli altri, ma avere anche il piacere di ospitare.
A volta mi sento in colpa per tutte queste cose che vorrei, pero mi accorgo che mi e davvero necessario, sono cosa che mi servono, e che non posso avere.
Per tutti gli altri sono cose banalissime che gia hanno, ma a me manca tutto PSICO sigh.gif
Vorrei anche un posto dove poter dormire fino a tardi, vorrei svegliarmi in un posto e starmene li a guardare il soffitto sentendo ancora il calore delle lenzuola su di me.
Invece quando apro gli occhi mi accorgo di essere in un fottuto salone e che devo sloggiare ed anche in fretta.
Non chiedo oro, gioielli, vestiti firmati, di stare in giro fino a tardi o che altro ma solo di potermi sentire come gli altri, per una volta PSICO sigh.gif


--------------------
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.

Si vis pacem, para bellum - si vis vitam, para mortem

Canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.
PMEmail Poster
Top
 
Analitica
Inviato il: Domenica, 01-Set-2013, 10:25
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 622
Utente Nr.: 12.332
Iscritto il: 29-Giu-2013



Come mai? Non c'è una stanza disponibile lì?
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (25) [1] 2 3 ... Ultima » Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.2763 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]