Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Sono Una Dipendente Affettiva
 
fraghila
Inviato il: Mercoledì, 24-Gen-2018, 14:32
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 160
Utente Nr.: 16.573
Iscritto il: 28-Gen-2016



Mi sono dilaniata il cervello su questa cosa, sono due anni che mi faccio dubbi e paranoie sul se abbia o meno la dipendenza affettiva, tra pianti, ansie e sofferenze atroci, e poi ecco qua. Parlando con la psicologa, esce fuori che sì, lo sono davvero. Per mesi ho creduto di stare bene, senza più ossessioni. Mi dicevo "è la tua testa a farti stare così, ignorala". E io l'ho fatto, ma dentro di me la tristezza, l'ansia e i dubbi non sono mai andati via del tutto... e adesso eccomi qui, ad accettare la realtà dei fatti: la mia relazione si è probabilmente basata quasi unicamente sul bisogno, non sull'amore. E fa schifo questa cosa. E mi fa ancor più schifo avere paura di essere abbandonata, aver paura di dire queste cose al mio ragazzo mettendo tutto in discussione. Temo che la mia dipendenza non mi faccia avere il coraggio di ammettere l'inadeguatezza di questa storia. O meglio, io ancora non so se questa storia sia adeguata o no, perché non ho mai discusso adeguatamente col mio ragazzo delle cose che non mi stanno bene di lui. Ecco, arriviamo al punto. Fin dall'inizio della mia storia, ho sempre avuto questa bruttissima sensazione addosso, come se ci fosse qualcosa che non andasse in lui e in noi due. Non se n'è mai andata del tutto, mai, per quanto io abbia cercato di nasconderla, di godermi i nostri momenti il più che potevo. Subentrava sempre questa brutta angoscia, tristezza, paura, che mi ha fatto piangere non so quante volte davanti a lui, facendolo sentire di merda, stancandolo e sfiancandolo con le mie crisi. Ci siamo pure lasciati, per 4 mesi, perché non ce la facevo più... poi a quanto pare mi sono accorta di amarlo, ma non sono neanche più sicura di questo, e ci siamo rimessi insieme. Il primo mese sono stata da Dio, mi sentivo rinata, senza paura, come un leone... e poi, piano piano, di nuovo la spirale negativa. E' andata meglio, ma comunque i brutti pensieri non se ne sono mai andati via del tutto. Dicevo, ci sono delle cose che non mi piacciono di lui... ho la sensazione che lui sia inconcludente, immaturo, infantile. Ha quasi 28 anni e non ha uno straccio di laurea, né un lavoro adeguato. In questi due anni ha lavoricchiato, ma ha fatto sempre lavoretti piccolini e forniti da qualche suo parente, proprio come se lui non volesse mettersi in gioco, non volesse fare fatica, come se volesse tutto e subito, senza sforzo. Adesso dice che a marzo tenterà il concorso a vigile urbano, lo disse anche l'anno scorso, e poi non l'ha più fatto. A me queste cose non piacciono affatto, mi danno una bruttissima sensazione, e non gliene ho mai parlato perché ho paura di essere cattiva con lui, e di perderlo... ma penso anche che l'amore serva proprio a guarire le persone, ad aiutarle. Magari lui ha bisogno di una scossa, di una spinta, che potrei dargli io. Non so, temo che anche se lui si impegnasse e trovasse lavoro, non mi piacerebbe lo stesso, perché è come se lui non avesse un progetto di vita in cui vuole realizzare i suoi sogni. Mi piacerebbe che lui realizzasse i suoi veri sogni, che forse non sa manco lui quali sono. E forse potrei proprio aiutare a farglieli trovare. Ma il punto è che lo sento come un bisogno egoistico, non come una sincera dimostrazione d'amore. E io voglio poter provare amore vero. Altro sintomo della dipendenza affettiva: quando esce con gli amici mi sento gelosa e abbandonata. Non sapete quanto io mi senta orribile per questo. Lui si merita di essere amato, si merita una persona che gioisca quando lui è felice, che sia contenta per lui, e io in questi anni non credo di esserne stata molto capace. Gli ho offerto solo lacrime, ansia, tristezza, gelosia. E' orribile.
Insomma, tutto gira intorno alla paura di essere abbandonata. E chissà se, avendo questo problema e contemporaneamente stando in coppia, se ne possa venir fuori, imparando ad amare, oppure bisogna lasciare questa persona, ammettendo che non è adeguata per noi e vivendo finalmente quell'abbandono che tanto si teme, superandolo. Mi piacerebbe avere pareri da persone che ci sono passate, o ci stanno passando. Grazie.
PMEmail Poster
Top
 
Moon90
Inviato il: Mercoledì, 24-Gen-2018, 15:00
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 2.332
Utente Nr.: 18.393
Iscritto il: 31-Lug-2017



Mi dispiace leggerti così triste :-(
Posso dirti che amandolo, lasciarlo non aiuterà nessuno dei due.. solo insieme a lui puoi uscire da tutto questo dolore.
È possibile che sei gelosa quando esce con i suoi amici perché vorresti che ti renda partecipe e invita anche te?
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
 
fraghila
Inviato il: Mercoledì, 24-Gen-2018, 18:25
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 160
Utente Nr.: 16.573
Iscritto il: 28-Gen-2016



QUOTE (Moon90 @ Mercoledì, 24-Gen-2018, 14:00)
Mi dispiace leggerti così triste :-(
Posso dirti che amandolo, lasciarlo non aiuterà nessuno dei due.. solo insieme a lui puoi uscire da tutto questo dolore.
È possibile che sei gelosa quando esce con i suoi amici perché vorresti che ti renda partecipe e invita anche te?

Sono gelosa perché io di amiche non ne ho più, mi sono isolata.
PMEmail Poster
Top
 
Moon90
Inviato il: Mercoledì, 24-Gen-2018, 20:36
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 2.332
Utente Nr.: 18.393
Iscritto il: 31-Lug-2017



Ecco. Come vedi c'è un collegamento alla tua gelosia.
E le tue amiche di una volta non puoi risentirle? O provare anche a fartene altre
PMEmail Poster
Top
 
fraghila
Inviato il: Mercoledì, 24-Gen-2018, 23:23
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 160
Utente Nr.: 16.573
Iscritto il: 28-Gen-2016



QUOTE (Moon90 @ Mercoledì, 24-Gen-2018, 19:36)
Ecco. Come vedi c'è un collegamento alla tua gelosia.
E le tue amiche di una volta non puoi risentirle? O provare anche a fartene altre

Su questo mi sto attivando, ma non è solo questo il problema. Sono troppo bloccata, mi sento in colpa ad avere questo problema e vorrei poterlo far sparire all'istante, ma ci vorrà del tempo...
PMEmail Poster
Top
 
Moon90
Inviato il: Giovedì, 25-Gen-2018, 15:36
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 2.332
Utente Nr.: 18.393
Iscritto il: 31-Lug-2017



Ci vorrà tempo ma attivandoti andrà sempre meglio
PMEmail Poster
Top
 
fraghila
Inviato il: Domenica, 28-Gen-2018, 12:40
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 160
Utente Nr.: 16.573
Iscritto il: 28-Gen-2016



QUOTE (Moon90 @ Giovedì, 25-Gen-2018, 14:36)
Ci vorrà tempo ma attivandoti andrà sempre meglio

Già parlando con lui mi sono sentita moooolto meglio PSICO smile.gif
PMEmail Poster
Top
 
GiorgioDC
Inviato il: Domenica, 04-Mar-2018, 11:54
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 5
Utente Nr.: 18.762
Iscritto il: 20-Gen-2018



Ho letto un articolo veramente approfondito sulla Dipendenza Affettiva e ho capito molto anche di comportamenti di tante persone che conosco. Non so se posso linkarlo ma ci provo:

Dipendenza Affettiva: come uscirne

Spero possa aiutarti!
PMEmail Poster
Top
 
fraghila
Inviato il: Domenica, 04-Mar-2018, 21:55
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 160
Utente Nr.: 16.573
Iscritto il: 28-Gen-2016



QUOTE (GiorgioDC @ Domenica, 04-Mar-2018, 10:54)
Ho letto un articolo veramente approfondito sulla Dipendenza Affettiva e ho capito molto anche di comportamenti di tante persone che conosco. Non so se posso linkarlo ma ci provo:

Dipendenza Affettiva: come uscirne

Spero possa aiutarti!

Ti ringrazio per il contributo ma sono tutte cose che già so, e rileggerle non ha fatto altro che re-innescare le mie peggiori paure. Forse sto scappando dalla realtà dei fatti ancora una volta, e cioè che lui non è la persona che fa per me... se questa maledetta ansia è sempre esistita, fin da quando mi sono messa con lui, qualcosa vorrà pur dire... non posso più ignorarla, perché puntualmente essa ritorna più forte di prima. La terapeuta mi ha detto che tutte queste cose posso affrontarle benissimo da sola perché ho tutti i mezzi per poterlo fare, non ho bisogno di una terapia. Mi ha suggerito vivamente di essere meno ligia al dovere, di occuparmi di me stessa invece che accontentare sempre tutti, di godere del tempo trascorso con il mio lui, di conoscere gente nuova, farmi degli amici, aprirmi... insomma, ho bisogno di riappropriarmi della mia vita ed è solo così che potrò davvero rendermi conto della validità o meno della mia storia... ma le sensazioni negative non mi abbandonano. Dentro di me c'è la sensazione che il mio ragazzo mi freni dall'essere la persona che realmente voglio essere, che sia troppo poco produttivo, indolente, sfaticato... ed ancora una volta provo un'ansia lancinante perché temo che io stia negando la realtà dei fatti, e cioè che quello che penso è vero ma non voglio ammetterlo perché ho paura di lasciarlo e rimanere sola.
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0857 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]