Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Doc Omo.
 
Thatsme
Inviato il: Mercoledì, 20-Nov-2019, 19:37
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 0
Utente Nr.: 19.594
Iscritto il: 20-Nov-2019



Ciao ragazzi! Sono nuova sul forum e ho una grande ansia.
Premetto che ho già avuto diversi tipi di doc in passato tipo quello da suicidio, ipocondriaco, religioso e quant altro.. ora mi è venuto quello omosessuale.
Io ho una matta paura di poter diventare lesbica, cerco compulsivamente rassicurazioni, rituali assurdi che non sto qui a spiegarvi, tipo uno di quelli e cercare siti d’incontri contro la mia volontà, la cosa mi fa molta paura, faccio sogni omosessuali, stanotte ho sognato che mia madre mi diceva che mi vedeva come una lesbica, ero turbata anche in sogno! Ora ho sempre in mente la vagina, mi immagino me che la tocchi cose del genere, tant’è che ho sognato anche quella! E sembra che mi piaccia! Ma a me fa solo tanta ansia misto a piacere, io so per certo che non andrei mai a letto con una donna, ma sembra che io voglia!... e sono anche fidanzata!😫 non riesco ad accettare questi pensieri..
PMEmail Poster
Top
 
rachele19
Inviato il: Sabato, 09-Mag-2020, 14:34
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 16
Utente Nr.: 19.799
Iscritto il: 08-Mag-2020



Ciao! Ti scrivo semplicemente perché sto vivendo da molto tempo questa stessa situazione, sono anche in psicoterapia e ho dovuto lasciare il mio ragazzo (non spaventarti, è successo solo perché sono voluta andare in fondo a questa cosa dopo l'ennesimo attacco di panico dovuto a un sogno nel quale era presente una mia amica lesbica e nemmeno ci facevo cose. Era solo lì, nel sogno, e tanto è bastato a farmi svegliare con un crollo nervoso). Sto capendo che la cosa più autodistruttiva che puoi fare è dirti che è sbagliato e allo stesso tempo che, se non lo è, vuol dire che sei lesbica e ti stai rifiutando. E' risaputo che le donne abbiano una sessualità fluida e che si trovino eccitanti le immagini saffiche (sì lo so, saperlo non aiuta molto nemmeno me). Il primo consiglio che posso darti è: inizia a dire a questi pensieri che non sono sbagliati, ma giusti. Una parte di te li fa venir fuori e se li rifiuti è sbagliato; sbagliato è anche associarli a una categorizzazione, ovvero: sono lesbica. Io sono arrivata a crederlo davvero e a sentirmi persino bene al pensiero. Motivo? Perché era la dimensione nel quali quei pensieri avevano libertà d'espressione, eppure mi faceva stare comunque male, come mai? Perché era un pò troppo. Mi ha aiutato confrontarmi con una mia amica: lei senza troppe difficoltà ammette che le donne la eccitano, che fantastica sulle donne e nello stare con le donne, ma che NON SIGNIFICA che questo sia il segnale che si debba per forza andare oltre, ovvero definirsi lesbica. Il secondo passo è iniziare a dirsi: non sono né lesbica né etero, sono così. Sono una ragazza con una spiccata sessualità che ha trovato lo spazio anche per questo. E sai cosa ho provato nel pensarlo? Potere. Andando oltre la paura e il disgusto, ho capito che accettarlo implicava una forte autoconsapevolezza di sé. Certo non è facile, ancora io se penso queste cose improvvisamente provo noia e zero libido per gli uomini, ma è un errore: mi hanno eccitata in passato e non devo rinnegarlo, anche quella è una parte di me. Il trucco sta nel fatto che siccome mentalmente questi pensieri mi fanno "sentire" completamente lesbica allora rifiuto l'altro lato di me. E ci sto ancora lavorando perché non accada. Terzo consiglio, che sto giusto iniziando ad applicare: prova ad andare oltre. Oltre l'esserne intrigata, oltre l'eccitazione fisica e il pensiero galoppante, cosa c'è? Tutto quello che realmente ci porta a scegliere la persona con cui vogliamo stare. Altrimenti perché, quando pensavo di essere totalmente etero, non pensavo continuamente ai piselli e non ne ero ossessionata e spaventata? Prova ad andare oltre. Io avevo - e ho tutt'ora - l'incubo di uscire e incontrare le ragazze perché penso "oddio, questa è la volta buona che mi colpisce mi innamoro e dovrò per forza accettare di essere lesbica. Piccolo trucco da applicare? Dirsi: ok, forse mi intrigherà, mi piacerà, mi colpirà...ma non devo fantasticarci sopra o estremizzare questa cosa. Se non è successo fin ora non vuol dire che succederà oggi, forse (e probabilmente) non accadrà mai. Io sto ancora facendo il mio percorso psicoterapeutico e non posso darti certezze se sono affetta da Doc dovuto a una reale (perché ormai ho accettato che è reale) sessualità spiccata e attrazione per le donne, però una cosa l'ho raggiunta: non avere più attacchi di panico che mi bloccano o terrore a rapportarmi con le altre ragazze. Mi dico "ok, questa è una parte di me e devo ancora farci il callo, non mi deve terrorizzare ma non deve nemmeno andare troppo oltre". Se sei ancora fidanzata questo potrebbe aiutarti: ogni volta che hai l'ansia e ti partono i film mentali, elenca mentalmente tutte le cose belle che hai vissuto col tuo ragazzo e prova a dirti "coesistono entrambe e nessuna delle due deve escludere l'altra". Io non so ancora se tornerò col mio, prima di farlo voglio concludere il mio percorso e arrivare a essere più sicura di me stessa, al momento sto affrontando un momento troppo delicato e averlo accanto mi faceva stare male perché non riuscivo a gestire la cosa: mi sentivo in colpa, col cuore che esplodeva, perché dovevo incasellare per forza le cose. Da un pò di tempo che provo a fare questi esercizi, inizio a sentire di nuovo la capacità di godermi lui e non farmi rovinare da questa cosa. Comunque farcela da soli è difficile, se puoi ti consiglio vivamente di fare un percorso che ti dia la capacità di affrontarti (non per scoprire la tua omosessualità, ma per accettare la tua fluidità e ci tengo a sottolineare che fluido non vuol dire per forza che staresti con una ragazza ma che sei capace di fantasticarci su e che sessualmente non ti fa schifo. Non credere che la risposta sia per forza che deve farti schifo, soprattutto chi ha molta fantasia e versatilità è capace di dire che non gli farebbe schifo ma comunque questo non vuol dire che sei lesbica. In alcuni commenti ho letto che il meccanismo di panico è dovuto al fatto che non riesci a dirti che sei etero al 100%: se anche ci fosse uno 000,1% o persino un 20% di te che trova attraente, eccitante e potenzialmente partner una donna, non significa che non puoi convivere con quel 99,9% o 80% che si realizza con un uomo!). Spero ti sia un pò d'aiuto PSICO smile.gif
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0491 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]