Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Borderline....e Troppa Disperazione
 
Morgan
Inviato il: Martedì, 30-Gen-2018, 15:16
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 3
Utente Nr.: 18.784
Iscritto il: 30-Gen-2018



Buongiorno a tutti,non so esattamente se sto facendo una cosa utile..ma sono stanco di trovarmi da solo ad affrontare questa mia.vita da borderline.24 anni di rabbia,di delusioni,di risposte inutili.
La mia storia è complicata e boh,non so se interessi quindi l accantono .dico solo che a 16 anni me ne sono andato di casa per stare con una ragazza piu grande di me che amavo,aveva 25 anni all epoca.il mio disturbo l ho riscontrato solo 2 anni fa.Ora capisco che il legame che mi teneva stretto a lei dipendeva soprattutto dal mio essere borderline.l ho lasciata 1 anno fa..e durante la.nostra relazione ci siamo traditi a vicenda molte volte.di 4 fidanzate avute,l.ultima è stata la.sola che mi ha capito.
Il problema è che era ed è una bipolare .....
Essere borderline per me significa amare una persona all estremo e chiedere scusa sempre...perché temo di essere abbandonato sempre.a volte mi capita di allontanare le.persone prima ancora di conoscerle per evitare che mi.facciano del male o che mi ci leghi troppo.il 4 settembre lei mi lascia è mi crolla tutto addosso...4 giorni fa si rifa viva e mi chiede di tornare...io mi.dispero da mesi...e lei mi tratta come un oggetto...una cosa sua....io però non riesco a fare a meno di lei...non voglio tornare ad essere da solo...ma vale la pena accettare una persona così solo perché so di essere fatto in questo modo..e lei gioca su su sta cosa?{
Per lei ho cominciato a tagliarmi è impazzire....non so più chi sono senza di lei...
Perché non trovo mai una persona che ami nello stesso modo mio?
Qualcuno che ha avuto un esperienza simile c è?
PMEmail Poster
Top
 
Mononoke
Inviato il: Sabato, 23-Giu-2018, 22:48
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 4
Utente Nr.: 19.018
Iscritto il: 23-Giu-2018



Io..simile..sei tornato da lei? In amore non ci son scelte giuste o sbagliate..devi trovare la strada che ti faccia star meglio..mio consiglio..fatti anche aiutate..torna da lei se la vuoi. Ma allo stesso tempo trova qualcuno che possa aiutarti..perché per star bene con lei devi star bene con te stesso..lo so che sembran parole vuote..Ma spesso sto male pure io quindi posso immaginare..
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
 
amanda
Inviato il: Domenica, 24-Giu-2018, 10:46
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 21
Utente Nr.: 18.768
Iscritto il: 22-Gen-2018



Ciao Morgan... Pure io simile. Io borderline lui bipolare. Tutto il tempo ad annullare me stessa, i miei problemi, la mia vita, tutto.. Pur di aiutare lui pur di non perderlo. Un incubo. Perché questo ha fatto sì che mi dia completamente per scontata. Qualsiasi cosa io comunque ci sono. So che lui mi ama ma tra il saperlo e averne le dimostrazioni vi è un abisso. Lui non fa nulla per me (anche se è convinto del contrario) perché solo lui è il centro della situazione, solo lui è "quello che sta veramente male" solo lui è l'eterno perseguitato dal mondo. Intanto io muoio dentro e nessuno se ne accorge. Ultimamente son caduta in un circolo di attacchi di panico mostruosi con postumi di crisi di nervi e sbalzi d'umore fortissimi. Lui mi dice "passerà vedrai, mica come me che sono condannato a vita" ecco. Comunque è lui il centro. Fine della discussione. È come se non sapesse davvero l'amore cos'è. Me lo chiedo di continuo. Come si fa a dire di amare una persona e trattarla alla fine come un cavolo di pezzo d'arredamento della propria vita? Non capisco se questo sia tipico della personalità bipolare ma giuro che io sto impazzendo. Morgan... Se sei riuscito a staccare, valuta bene. Tenta di capire fin dove arrivi la sua empatia e quanto il suo amore sia indirizzato a se stessa piuttosto che a te. Perché questa è la sensazione che io ho costantemente... Un abbraccio
PMEmail Poster
Top
 
Mononoke
Inviato il: Domenica, 24-Giu-2018, 12:19
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 4
Utente Nr.: 19.018
Iscritto il: 23-Giu-2018



Ciao Amanda..Se posso darti un parere..Non penso che questo suo modo di fare sia dipendente dalla personalità bipolare..anche perché la sua visione che lui è condannato a vita e tu no è assurda..son entrambe condizioni per così dire croniche..Ma con entrambe si può far un lavoro per conviverci, anche se certo il disagio rimane. Io son più vicina ad una condizione di spettro come quella del tuo uomo e ad esempio non ho mai avuto un approccio di egocentrismo nei confronti del partner..quello è un tratto della personalità, non tanto della patologia..per gli attacchi di panico so cosa provi, ne soffro anche io..ti posso solo dire che è migliorato molto da quando vado in terapia.. intendiamoci, il miracolo non esiste, se uno è predisposto il disagio resterà sempre..Ma aiuta molto nell'impostare un lavoro su se stessi e imparare a gestire meglio il proprio stato emozionale..
PMEmail Poster
Top
 
amanda
Inviato il: Lunedì, 25-Giu-2018, 12:29
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 21
Utente Nr.: 18.768
Iscritto il: 22-Gen-2018



Ciao Mononoke, grazie per la risposta... E scusami se son partita così a raffica verso la patologia del mio partner... Scusami nel senso che non volevo effettivamente associare questo tratto di egocentrismo al fatto di essere bipolare come una accusa, mi rendo conto solo ora di esser stata indelicata ma credimi non era mia intenzione davvero. La mia era solo un'esplosione di gran rabbia e impotenza per la situazione in cui mi trovo che mi sta schiacciando sempre di più nonostante io ci provi con tutte le forze a stare a galla. Oggi ho un appuntamento con un nuovo terapeuta... Spero possa essermi d'aiuto almeno un po'. Grazie mille, e scusa ancora...
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0754 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]