Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> L'ansia Che Ti Sfinisce, Ti Sfianca
 
Bond85
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2019, 18:13
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.094
Utente Nr.: 9.671
Iscritto il: 09-Feb-2012



Ormai da anni soffro di ansia, sono stato bene solo con il Cipralex preso per anni ma ora interrotto visto che il Morbo Di Chron con una stenosi e l'antidepressivo potrebbe rallentare il transito intestinale.
Ormai è una lotta tra palpitazioni, tachicardia, impossibilità a sentirsi un momento rilassato, pensieri che ti portano sempre a cose negative (e se poi succede questo, e se sto male e se perdo tutto e se e se se....) e mai a cosa positive.
Oggi volevo semplicemente andare a prendere un gelato con la mia ragazza vicino al mare, 20 minuti di auto, sono giorni ormai che non riesco a stare disteso bello rilassato al letto che sento il cuore battere forte in ogni zona del corpo anche a BPM normali (70/80/90), un disturbo assurdo, fatico sempre a prendere sonno, comunque dicevo ad un certo punto mentre guidavo mi sono dovuto fermare scendere e prendermi due minuti fuori l'auto perché non riuscivo più a farcela, inizi con un pensiero pessimista, ti ricordi di soffrire di ansia, la tua mente inizia a viaggiare e ti ritrovi con attacchi di panico, palpitazioni ecc...
Ovviamente la paura delle palpitazioni è che non sia solamente un fatto ansiogeno e questo caldo afoso non aiuta affatto.
Ho fatto una figuraccia con la ragazza che domani dovrò accompagnare all'aeroporto e farmi 4 ore di viaggio in auto in questa situazione di autentico terrore che possa risuccedermi di nuovo...
Sono sfinito, non si vive più cosi...


--------------------
PMEmail Poster
Top
 
Docker57
Inviato il: Venerdì, 14-Giu-2019, 16:45
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 4
Utente Nr.: 19.356
Iscritto il: 04-Mag-2019



E non puoi prendere altro medicinale compatibile?
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
 
Felix
Inviato il: Venerdì, 14-Giu-2019, 19:22
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.370
Utente Nr.: 2.034
Iscritto il: 10-Ago-2008



Infatti, consulta il gastroenterologo, perché non è detto che tutti gli antidepressivi rallentino il transito intestinale. A dire il vero, a me nemmeno il cipralex lo rallentava.
PM
Top
 
Bond85
Inviato il: Sabato, 22-Giu-2019, 19:39
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.094
Utente Nr.: 9.671
Iscritto il: 09-Feb-2012



Il problema a detto dei gastroenterologi non è solo per il rallentamento del transito intestinale ma anche perché gli antidepressivi non sono visti di buon occhio in caso di operazioni chirurgiche e con una stenosi il rischio di doversi operare c’è
Questo mi dissero, ora è da Marzo 2017 che non prendo alcun farmaco di questo genere ne ansiolitici alcuni. Vorrei sinceramente evitarli ma non so non riesco più a godermi la vita ( anche nelle cose semplici) ed ho perso tanta sicurezza che avevo in me stesso. Vivo da solo da 7 -‘mi ormai anche se ho i genitori che vivono a qualche centinaio di metri da me però ormai vivere da solo era per me la mi vittoria personale ma oggi con queste situazioni mentale sto mettendo in discussione anche questo e oggi ho paura anche di guidare da solo (mi sembra di essere tornato indietro di 15 anni). Ho già detto che tornerò a parlare con lo psichiatra ma sinceramente ho tanta paura, paura di perdere il senno e di fare sciocchezze


--------------------
PMEmail Poster
Top
 
Bond85
Inviato il: Sabato, 22-Giu-2019, 19:40
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.094
Utente Nr.: 9.671
Iscritto il: 09-Feb-2012



Scusate la scrittura ma ho scritto con lo smartphone


--------------------
PMEmail Poster
Top
 
Mikymix
Inviato il: Giovedì, 27-Giu-2019, 19:34
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 8
Utente Nr.: 19.409
Iscritto il: 19-Giu-2019



QUOTE (Bond85 @ Sabato, 22-Giu-2019, 18:39)
Il problema a detto dei gastroenterologi non è solo per il rallentamento del transito intestinale ma anche perché gli antidepressivi non sono visti di buon occhio in caso di operazioni chirurgiche e con una stenosi il rischio di doversi operare c’è
Questo mi dissero, ora è da Marzo 2017 che non prendo alcun farmaco di questo genere ne ansiolitici alcuni. Vorrei sinceramente evitarli ma non so non riesco più a godermi la vita ( anche nelle cose semplici) ed ho perso tanta sicurezza che avevo in me stesso. Vivo da solo da 7 -‘mi ormai anche se ho i genitori che vivono a qualche centinaio di metri da me però ormai vivere da solo era per me la mi vittoria personale ma oggi con queste situazioni mentale sto mettendo in discussione anche questo e oggi ho paura anche di guidare da solo (mi sembra di essere tornato indietro di 15 anni). Ho già detto che tornerò a parlare con lo psichiatra ma sinceramente ho tanta paura, paura di perdere il senno e di fare sciocchezze

Sto vivendo la medesima situazione! Prima, nonostante fossi già stato colpito dall'ansia, ero sicuro di me, potevo andare in giro tranquillamente e sopportare le situazioni perché avevo un dialogo positivo con me stesso. Ora invece sono in continuo conflitto interiore, ho perso l'ironia, la sicurezza in me stesso, non faccio un pensiero naturale che non sia rivoltato come un calzino. L'unica cosa che ci differenzia è che io non ho mai smesso di prendere gli psicofarmaci e che non vivo da solo, non potrei e immaginarlo mi fa crescere una paura tremenda, con idee future che puoi immaginare...Inizio a pensare compulsivamente che i farmaci abbiano alterato una condizione fisiologica che nonostante avessi avuto un attacco di panico, mi permetteva di vivere le mie cose e i miei pensieri. Mi ritrovo a pensare se non mi avessero dato quel maledetto primo farmaco adesso come starei. Probabilmente è solo un'altra sfaccettattura dei pensieri intrusivi e ossessivi, chi lo sa, il dubbio rimane...ma indietro non si torna. Ormai ho fatto i conti con la realta, probabilmente dovrò prendere psicofarmaci per tutta la vita, ma che almeno avessero un effetto, invece niente. Ma se a te facevano sentire bene è un sacrificio che io farei molto volentieri. Forse parlando con lo psichiatra ti indicherà una soluzione che sarà compatibile con i tuoi altri problemi, ne sono sicuro.
PMEmail Poster
Top
 
Bond85
Inviato il: Venerdì, 28-Giu-2019, 10:13
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.094
Utente Nr.: 9.671
Iscritto il: 09-Feb-2012



QUOTE (Mikymix @ Giovedì, 27-Giu-2019, 18:34)
QUOTE (Bond85 @ Sabato, 22-Giu-2019, 18:39)
Il problema a detto dei gastroenterologi  non è solo per il rallentamento del transito intestinale ma anche perché gli antidepressivi non sono visti di buon occhio in caso di operazioni chirurgiche e con una stenosi il rischio di doversi operare c’è
Questo mi dissero, ora è da Marzo 2017 che non prendo alcun farmaco di questo genere ne ansiolitici alcuni. Vorrei sinceramente evitarli ma non so non riesco più a godermi la vita ( anche nelle cose semplici) ed ho perso tanta sicurezza che avevo in me stesso. Vivo da solo da 7 -‘mi ormai anche se ho i genitori che vivono a qualche centinaio di metri da me però ormai vivere da solo era per me la mi vittoria personale ma oggi con queste situazioni mentale sto mettendo in discussione anche questo e oggi ho paura anche di guidare da solo (mi sembra di essere tornato indietro di 15 anni). Ho già detto che tornerò a parlare con lo psichiatra ma sinceramente ho tanta paura, paura di perdere il senno e di fare sciocchezze

Sto vivendo la medesima situazione! Prima, nonostante fossi già stato colpito dall'ansia, ero sicuro di me, potevo andare in giro tranquillamente e sopportare le situazioni perché avevo un dialogo positivo con me stesso. Ora invece sono in continuo conflitto interiore, ho perso l'ironia, la sicurezza in me stesso, non faccio un pensiero naturale che non sia rivoltato come un calzino. L'unica cosa che ci differenzia è che io non ho mai smesso di prendere gli psicofarmaci e che non vivo da solo, non potrei e immaginarlo mi fa crescere una paura tremenda, con idee future che puoi immaginare...Inizio a pensare compulsivamente che i farmaci abbiano alterato una condizione fisiologica che nonostante avessi avuto un attacco di panico, mi permetteva di vivere le mie cose e i miei pensieri. Mi ritrovo a pensare se non mi avessero dato quel maledetto primo farmaco adesso come starei. Probabilmente è solo un'altra sfaccettattura dei pensieri intrusivi e ossessivi, chi lo sa, il dubbio rimane...ma indietro non si torna. Ormai ho fatto i conti con la realta, probabilmente dovrò prendere psicofarmaci per tutta la vita, ma che almeno avessero un effetto, invece niente. Ma se a te facevano sentire bene è un sacrificio che io farei molto volentieri. Forse parlando con lo psichiatra ti indicherà una soluzione che sarà compatibile con i tuoi altri problemi, ne sono sicuro.

Io l'ansia l'avrei accettata, come dico sempre, mi importava poco averla, è la depersonalizzazione che mi sta facendo soffrire tremendamente e la mia mente va sempre li a pensare a quello, se mi sento dentro un involucro, se mi sento estraneo al mio corpo ecc.... la paura letteralmente PAURA che mi passa addosso quando sento questo è tremenda, mi chiedo sempre perché mi sento le braccia cosi, le gambe cosi....mah PSICO sad.gif


--------------------
PMEmail Poster
Top
 
Bond85
Inviato il: Sabato, 20-Lug-2019, 11:36
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.094
Utente Nr.: 9.671
Iscritto il: 09-Feb-2012



Evvai ora ho anche diarrea, ci manca solo che si sia attivato di nuovo il Crohn (malattia dell’intestino) e posso dire di essere fottuto totalmente.
Una sfiga assurda


--------------------
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0685 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]