Versione stampabile della discussione
Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale
PSICO > Disturbi dell'infanzia e dell'adolescenza > Attaccamento


Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 15:31
Nell'attaccamento sicuro, la sicurezza dell'accessibilita' materna rende il bambino tranquillo nello spingersi ad esplorare le novita'.

Le persone con attaccamento sicuro sono ragionevolmente sicure delle proprie capacita' di risolvere i problemi e per questo tendono a testare le proprie ipotesi per eliminare quelle errate.

Lo stile e' quindi quello della ricerca attiva: la persona cerca di ottenere nuove informazioni e quindi di sottoporre costantemente alla prova le proprie ipotesi.
L'atteggiamento e' tipicamente esplorativo.

Si puo' ipotizzare che questo tipo di attaccamento generi un introietto nel bambino: "sono una persona capace e attiva, l'ambiente e' accogliente".

I bambini con attaccamento insicuro-evitante
hanno sperimentato piu' volte la difficolta' ad accedere alla figura di attaccamento e hanno imparato progressivamente a farne a meno, concentrandosi sul mondo inanimato piuttosto che sulle persone.

Le persone con questo tipo di attaccamento si comportano come se gli altri non esistessero.

Sul piano cognitivo instaurano una sorta di autarchia per cui non tengono conto delle invalidazioni fornite dagli altri.

Lo stile cognitivo e' quello dell'immunizzazione: minimizzano, fino ad annullarli, gli effetti dell'invalidazione.

Ipotizziamo che questo tipo di attaccamento generi un introietto nel bambino: "devo essere autosufficiente, l'ambiente e' inaccessibile".

I bambini con attaccamento insicuro-ambivalente, avendo sperimentato l'imprevedibilita' della figura di attaccamento, tentano di mantenere con lei una vicinanza strettissima, rinunciando a qualsiasi movimento esplorativo autonomo.
A livello cognitivo, per evitare l'imprevedibilita', si muovono soltanto nel conosciuto, da cui sia bandita ogni novita'.

Lo stile cognitivo corrispondente e' quello dell'evitamento: queste persone tentano di evitare le invalidazioni, non mettendo alla prova le proprie ipotesi.
Ipotizziamo che questo tipo di attaccamento generi un introietto nel bambino: "devo farmi accettare dall'ambiente".

L'attaccamento disorganizzato-disorientato si realizza quando la figura di attaccamento e' sperimentata come minacciosa.

Il caregiver e' spaventato/spaventante.

Il bambino e' portato a leggere sul volto della figura di attaccamento se nell'ambiente esistano pericoli oppure no; nel caso della madre spaventata/spaventante egli riceve costantmente un messaggio di pericolo, e poiche' non trova nell'ambiente alcun motivo che lo confermi, la madre diventa fonte di minaccia.

Lo stile cognitivo e' quello dell'ostilita': un modo di reagire alle invalidazioni consistente nel riproporre una costruzione della realta' che si e' gia rivelata fallimentare, l'altro e' da ignorare o sopraffare.

Ipotizziamo che questo tipo di attaccamento generi un introietto nel bambino: "l'ambiente e' minaccioso".

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 15:37
La seconda che hai detto.

Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 15:42
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:37)
La seconda che hai detto.

tu ti ritrovi nel secondo tipo di attaccamento? io in nessuno

Inviato da: le_chevalier_inexistant il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:20
a me Ŕ stato diagnosticato un attaccamento D (disorganizzato-disorientato)

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:22
QUOTE (giovannalapazza @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:42)
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:37)
La seconda che hai detto.

tu ti ritrovi nel secondo tipo di attaccamento? io in nessuno

Non mi ritrovo in niente perchÚ lo stile Ŕ quello dei cognitivisti off.gif

Ma se proprio dovessi, nel secondo.

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:24
QUOTE (giovannalapazza @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:42)
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:37)
La seconda che hai detto.

tu ti ritrovi nel secondo tipo di attaccamento? io in nessuno

Direi che si prendesse per buono 'sto schema tu staresti nel terzo tipo.

Cavoli tuoi e dei cognitivisti off.gif

Inviato da: fungo velenoso il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:25
la terza PSICO addio.gif

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:27
PSICO addio.gif laugh.gif

Inviato da: cioce il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:29
QUOTE (giovannalapazza @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:31)
"devo essere autosufficiente, l'ambiente e' inaccessibile".

"devo farmi accettare dall'ambiente".

alternavo questi due a seconda che vivessi emozioni di rabbia o sindrome da abbandono... grazie alla terapia emozionale che faccio adesso pi¨ nessuna

Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:35
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 17:24)
QUOTE (giovannalapazza @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:42)
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 15:37)
La seconda che hai detto.

tu ti ritrovi nel secondo tipo di attaccamento? io in nessuno

Direi che si prendesse per buono 'sto schema tu staresti nel terzo tipo.

Cavoli tuoi e dei cognitivisti off.gif

hai proprio ragione

in effetti chissa // mia madre mi lascio' un anno dalla nonna e sviluppai il doc

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:44
Queste son le cose che devi tirar fuori Simmi, invece di pensare sempre ai sintomi PSICO hug.gif

Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:53
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 17:44)
Queste son le cose che devi tirar fuori Simmi, invece di pensare sempre ai sintomi PSICO hug.gif

ed anche se fosse stato quello ? dopo che l'ho scoperto ?

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:54
Si ricorda, si elabora e si supera.

Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:57
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 17:54)
Si ricorda, si elabora e si supera.

PSICO-nono.gif fosse cosi semplice

io lo ricordo , l'ho elaborato ma ormai il doc c'e'

mia sorella anceh era molto predisposta ma nn l'ha sviluppato io si

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 17:59
L'elaborazione non Ŕ un processo razionale ma emotivo PSICO hug.gif

Scusa se mi sono permesso.

Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 18:02
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 17:59)
L'elaborazione non Ŕ un processo razionale ma emotivo PSICO hug.gif

Scusa se mi sono permesso.

non mi devi chiedere scusa e di che ?

non credo molto in queste cose ma ... se ti va mi potresti spiegare come si fa ?

Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 18:05
Si va in psicoterapia (che non Ŕ la Tcc) e si vede cosa succede.

Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 18:10
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 18:05)
Si va in psicoterapia (che non Ŕ la Tcc) e si vede cosa succede.

non ho abbastanza soldi per provare una cosa in cui non credo

non ne ho nemmeno per farne una in cui credo


Inviato da: La lunga marcia il Mercoledý, 03-Set-2008, 18:13
Non so che dire Simmi PSICO hug.gif

Inviato da: giovannalapazza il Mercoledý, 03-Set-2008, 18:14
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 18:13)
Non so che dire Simmi PSICO hug.gif

dammi i soldi tu laugh.gif PSICO lingua.gif

Inviato da: cioce il Mercoledý, 03-Set-2008, 23:36
QUOTE (La lunga marcia @ Mercoledý, 03-Set-2008, 17:59)
L'elaborazione non Ŕ un processo razionale ma emotivo PSICO hug.gif


blink.gif blink.gif ma daiii... qui siamo daccordo PSICO D.gif
a me il doc sta passando proprio perchŔ sto lavorando sulle emozioni PSICO-si.gif

Inviato da: +lilith76+ il Giovedý, 04-Set-2008, 09:53
A LEGGERLO COSý SONO DI CERTO LA penultima e l'ultima.

Inviato da: Xyz il Sabato, 06-Set-2008, 13:11
disorientato-disorganizzato

Inviato da: Cecilia il Mercoledý, 19-Ago-2015, 18:56
Insicuro-ambivalente.

Powered by Invision Power Board (http://www.invisionboard.com)
© Invision Power Services (http://www.invisionpower.com)