Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Nichilismo, niente ha un senso e nemmeno cercarlo...
-ste
Inviato il: Lunedì, 24-Apr-2017, 10:23
Quote Post


Unregistered









Salve, io sono un nichilista ed è tremendo vivere in questa seppur inevitabile situazione.
vorrei chiedere un parere a qualcuno che mi capisca
come può un nichilista vivere?

io faccio cose giusto perché sono vivo e devo farle... non trovando senso in nulla, non ho obiettivi,non ho motivazioni

quindi come si fa secondo voi?
Top
 
behappy
Inviato il: Lunedì, 24-Apr-2017, 17:08
Quote Post


Membro Junior
*


Messaggi: 69
Utente Nr.: 18.113
Iscritto il: 15-Apr-2017



Scusami, Ste, non sarò una professionista o una competente in psicologia, ma.. credo che tutti andiamo alla ricerca del senso della vita e chiunque si pone delle domande sul perchè di qualsiasi aspetto dell'esistenza. Mi viene da dirti che il nichilista, purtroppo, è un pò più sensibile a questa tematica, ma non saprei cosa dirti, mi sono ritrovata spiazzata a leggere questo post. Frequenti una terapia? C'è qualcuno che ti segue?


--------------------
You shout it out, but I can't hear a word you say.
I'm talking loud not saying much.
I'm criticized, but all your bullets ricochet.
You shoot me down, but I get up.


« You shoot me down, but I won't fall..
I am T i t a n i u m. »

And so I cry sometimes when I'm lying bed just to get it all out what's in my head, and I.. I am feeling a little peculiar.
And so I wake in the morning and I step outside, and I take a deep breath and I get real high.. and I scream from the top of my lungs "What's going on?"
PM
Top
Adv
Adv














Top
-ste
Inviato il: Lunedì, 24-Apr-2017, 20:38
Quote Post


Unregistered









io veramente mi sento a disagio perché non vorrei stare fermo a fare nulla.
ma pur provandoci, non trovo valore reale in nulla.

oggi ho letto Nietczhe...l'oltre-uomo, colui che accetta ogni aspetto della vita e che vede uno scopo reale nella morte. Quindi si gode ogni singola azione che compie in vita, essendo consapevole che deve morire.
insomma non importa COSA tu faccia, importa che la fai.
mi ha aiutato molto
Top
 
blake
Inviato il: Lunedì, 01-Mag-2017, 20:23
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 136
Utente Nr.: 12.062
Iscritto il: 10-Mag-2013



Purtroppo il senso della vita non può essere dato, ma occorre impegno e fatica per trovarlo. Io per esempio dopo tante prove ho trovato che coltivare l'orto mi fa stare bene. Mi sento in pace e sereno quando lo faccio. Far vivere le piante contribuisce al senso della mia vita ma per un'altra persona questo non varrebbe.
PMEmail Poster
Top
-ste
Inviato il: Mercoledì, 03-Mag-2017, 12:52
Quote Post


Unregistered









il guaio irrisolvibile è proprio questo!
Qualsiasi senso tu dia alla tua vita sarà sempre e comunque un qualcosa di inventato da noi.
non esiste un senso reale e certo
mi sento come auto ingannato a perseguire qualcosa che mi son dato io

sono anche consapevole del fatto che anche se esistesse un senso certo e reale per tutti, non sarebbe comunque una cosa buona

cioè, veramente niente dice che debba esistere un senso, però non so il motivo per cui io, come altri, non riesca ad accettare questa cosa
Top
 
blake
Inviato il: Mercoledì, 03-Mag-2017, 15:07
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 136
Utente Nr.: 12.062
Iscritto il: 10-Mag-2013



A me non sembra necessario che ci sia un senso valido per tutti. Il senso di una persona malata ( volere migliorare la qualità della propria vita ) non può essere lo stesso di una persona di successo ( condividere il proprio stato di benessere con altri ) . Una persona rimasta vedova potrebbe dare senso alla propria vita vivendo per suo figlio, mentre una persona che ama gli animali potrebbe dare senso alla sua vita facendo un lavoro attinente. E' la vita che conduci che ti indirizza verso un senso.Le religioni poi ti indirizzano verso un senso assoluto : la vita eterna ma solo se vivi in un certo modo e fai certe cose...
PMEmail Poster
Top
-ste
Inviato il: Mercoledì, 03-Mag-2017, 22:57
Quote Post


Unregistered









vero quello che dici
ma adesso dopo che hai detto ciò io non riesco a provare interesse nel migliorare me stesso, perché penso che potrei morire da un momento all'altro. Che ne so, si può morire inaspettatamente per qualsiasi motivo
quindi non vedo il motivo di migliorarmi
Top
 
blake
Inviato il: Giovedì, 04-Mag-2017, 15:27
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 136
Utente Nr.: 12.062
Iscritto il: 10-Mag-2013



Soltanto le religioni riescono a risolvere il problema della morte introducendo la vita eterna. Se leggi la scommessa di Pascal su wikipedia capirai che è più conveniente credere che non credere...
PMEmail Poster
Top
-ste
Inviato il: Giovedì, 04-Mag-2017, 23:04
Quote Post


Unregistered









ma io non voglio credere soltanto perché non c'è alternativa.
Non fa per me tra l'altro credere per convenienza.
sentirei sempre quell'alone di sensazione di auto inganno che mi starei provocando.
e sarebbe una forzatura

credere che ci sia qualcosa oltre questa vita rende più felice l'esistenza, ma in fondo sai che non è così. nessuno è mai tornato indietro dopo la morte o ha mai dato segnali di continua esistenza (a parte Gesù, che probabilmente è stato inventato proprio per il mtivo che dici tu: dare una speranza, seppur falsa, a chi vive)
Top
 
Klaus1
Inviato il: Venerdì, 05-Mag-2017, 10:31
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 849
Utente Nr.: 17.837
Iscritto il: 15-Gen-2017



QUOTE (blake @ Giovedì, 04-Mag-2017, 14:27)
Soltanto le religioni riescono a risolvere il problema della morte introducendo la vita eterna. Se leggi la scommessa di Pascal su wikipedia capirai che è più conveniente credere che non credere...

Dipende... se la religione ti prescrive delle regole magari assurde, è meglio rischiare non credendo. Diversamente, se la religione ti rende felice, è meglio accettare la scommessa di Pascal.


--------------------
Ossessivo-compulsivo con pensiero magico, disturbi personalità evitante e cluster A

"Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella miseria". (Dante)

http://psyco.forumfree.org/index.php?&act=...=0#entry1685218
PMEmail Poster
Top
 
blake
Inviato il: Venerdì, 05-Mag-2017, 18:02
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 136
Utente Nr.: 12.062
Iscritto il: 10-Mag-2013



QUOTE (-ste @ Giovedì, 04-Mag-2017, 22:04)
ma io non voglio credere soltanto perché non c'è alternativa.
Non fa per me tra l'altro credere per convenienza.
sentirei sempre quell'alone di sensazione di auto inganno che mi starei provocando.
e sarebbe una forzatura

credere che ci sia qualcosa oltre questa vita rende più felice l'esistenza, ma in fondo sai che non è così. nessuno è mai tornato indietro dopo la morte o ha mai dato segnali di continua esistenza (a parte Gesù, che probabilmente è stato inventato proprio per il mtivo che dici tu: dare una speranza, seppur falsa, a chi vive)

Gesù non è stato inventato perché un falegname di 2000 anni fa privo di internet non avrebbe potuto diffondere la sua dottrina a livello così capillare nel mondo se non fosse stato Dio. In ogni caso ci sono persone che sperimentano oggi la sua presenza. Una di queste è Chiara Amiirante che nella sua autobiografia "Solo l'amore resta" racconta episodi soprannaturali incredibili che le sono capitati. Io attualmente sono in uno stato di aridità spirituale ma in passato ho avuto anch'io esperienze mistiche.
PMEmail Poster
Top
 
Bond85
Inviato il: Venerdì, 05-Mag-2017, 18:06
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 995
Utente Nr.: 9.671
Iscritto il: 09-Feb-2012



Io trovo già sbagliato il primo tuo post.
Perchè ti etichetti dicendo che sei "nichilista"?
Qual è il fine di questa categorizzazione di te?
Pensi davvero che un essere umano possa essere categorizzato in una definizione?


--------------------
PMEmail Poster
Top
-ste
Inviato il: Venerdì, 05-Mag-2017, 23:11
Quote Post


Unregistered









QUOTE (Bond85 @ Venerdì, 05-Mag-2017, 17:06)
Io trovo già sbagliato il primo tuo post.
Perchè ti etichetti dicendo che sei "nichilista"?
Qual è il fine di questa categorizzazione di te?
Pensi davvero che un essere umano possa essere categorizzato in una definizione?

beh lo ha fatto usando la carta, e non è stato lui in persona
Top
-ste
Inviato il: Venerdì, 05-Mag-2017, 23:18
Quote Post


Unregistered









QUOTE (Bond85 @ Venerdì, 05-Mag-2017, 17:06)
Io trovo già sbagliato il primo tuo post.
Perchè ti etichetti dicendo che sei "nichilista"?
Qual è il fine di questa categorizzazione di te?
Pensi davvero che un essere umano possa essere categorizzato in una definizione?

per far capire a pieno il mio stato mentale
Nichilista = colui che non trova senso in nulla, o meglio, non trova valore in nulla

io penso che potrei morire da un momento all'altro, come chiunque, magari senza nemmeno accorgermene e comunque sia non cambierebbe il fatto che sparirò.
E questo mi fa male. D'altronde so anche che se fosse diverso (ad esempio fossi immortale) non sarebbe comunque meglio per altri problemi che ci sarebbero.
Perciò come vedi sono in una situazione di totale confusione, inevitabile e perenne, irrisolvibile.
Non esisterò più e così anche le persone a me care.
Quindi non ho nulla da fare: diventare bravo in qualcosa, migliorarmi.... non trovo motivazione nel fare nulla e non mi interessa nulla (religioni comprese)
Questo vien definito nichilista

per me la vita è un passaggio casuale che non serve a nulla. insensato, come TUTTO
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0598 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]