Powered by Invision Power Board



Pagine : (82) « Prima ... 80 81 [82]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Closed TopicStart new topicStart Poll

> Doc Da Relazione E Omosessuale, articolo da me tradotto scusate gli errori
 
dany80
Inviato il: Mercoledì, 23-Mar-2016, 14:20
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 2.323
Utente Nr.: 15.581
Iscritto il: 16-Giu-2015



QUOTE (giovannalapazza @ Domenica, 29-Mar-2015, 16:46)
QUOTE (spike899 @ Domenica, 29-Mar-2015, 15:54)
Ciao ragazzi, sono in una fase di crisi assoluta, per colpa di questo Doc Omo maledetto, con tutte le conseguenze, i dubbi e i test che comporta.  Doh!.gif
Sono fidanzato da diversi anni, e avere questi pensieri mi manda in palla il cervello perchè mi fa sentire uno schifo verso la mia ragazza che so di amare tantissimo, più di me stesso.

Ho sempre avuto fin da adolescente paura di sembrare gay, di sembrare effemminato o di essere poco virile agli occhi delle ragazze per via del mio fisico gracile (troppo magro, mingherlino, debole..). Non mi piacevo e non piacevo, e spesso venivo deriso.. Sognavo prima o poi di prendermi il mio riscatto e di essere diverso in futuro, per far uscire fuori quella parte di me che era bloccata, per via della mia insicurezza.
Quindi ho iniziato finalmente a fare sesso intorno ai 20, quando ho cominciato a darmi coraggio da solo, dovevo farlo! Prima ahimè, c'erano i porno come quasi tutti credo..e qualche esperienza di strusciamento con un paio di ragazze, ma niente di che.
Quindi durante l'adolescenze spesso guardavo con ammirazione i fisici maschili allenati, sperando di essere così in futuro. E al solo pensiero di prendermi la mia rivincita ero soddisfatto, ero felice, e ho sempre pensato e sognato di avere una donna al mio fianco, ne sono sempre stato sicuro..era la mia natura, e l'ho sempre vissuta con serenità, anche se avevo paura di sembrare gay come ho detto prima, per via del mio aspetto poco forte e virile.. Ma non perchè avessi qualcosa contro i gay, anzi! Lungi da me essere omofobo, non ho Mai isolato o emarginato nessuno.

Quando mi capitava di guardare un porno mi immedesimavo ovviamente con l'uomo, soprattutto perchè mi immaginavo di essere come lui, forte virile e di possedere quella donna allo stesso modo!! Credo fosse normale..o c'è qualcosa di sbagliato in questo? (Maledetti dubbi amletici... PSICO bam.gif )

Adesso il Doc (arrivato dopo un periodo depressivo) mi sta facendo dubitare di tutto!!! Mi sta sconvolgendo un'intera esistenza... Perchè continuamente mi chiedo se invece questi atteggiamenti abbiano un altro significato..se quell'ammirazione fosse altro.. Eppure non ho mai provato emozioni, attrazione, sentimenti per uomini...ma sempre e solo per donne! Rimuginazioni continue...
Quando ho iniziato a fare sesso con la mia ragazza è stato spontaneo, naturale, è stato bellissimo, e così è stato per 4 anni! mi sentivo bene...appagato sessualmente, eccitato al solo pensiero di lei!
Adesso invece c'è tanta ansia, confusione, pensieri intrusivi, test, dubbi.... Ho paura di non essermi mai accettato!! Eppure fin da piccolo (scuole materne, elementari..etc.) ho ricordi di me che andavo dietro a ragazzine, ricordi delle mie prime cotte... ed era tutto così bello, così naturale, mi faceva stare bene, mi faceva sentire felice, ero semplicemente me stesso!

Le mie domande sono:
- Come è possibile che prima di questo maledetto Doc mi bastava pensare alla mia ragazza per eccitarmi tantissimo, ed ora provo una grande ansia?? ossia e' normale provare ansia prima di un rapporto con la mia ragazza, e anche durante e dopo a volte?? sto sempre a chiedermi se mi è piaciuto, se mi piace, se mi piacesse se al suo posto ci fosse un uomo... Quando prima pensavo a godermi con naturalezza il momento senza pensare ad altro che a lei!
- C'è qualcosa di anormale nel mio atteggiamento di fronte ad un porno, cioè di immedesimarmi con l'uomo?? (io non penso di farmi scopar* da lui, ma di essere Come lui).. Prima questo dubbio non l'avevo, ma adesso tutto diventa un dubbio.
- Io non ho mai provato nulla per gli uomini...solo un grande senso di paragone e confronto, per via della mia insicurezza. Invece adesso se vedo un uomo/ragazzo che reputo bello e che ammiro, provo una grandissima ansia. Non so come reagire, sto lì a chiedermi se mi piace, perchè provo quell'angoscia. Magari provo a testarmi mentalmente...ma questo mi fa stare ancora più male.
- E' normale avere un umore continuamente oscillante? Prima sto bene e sembra che quelle immagini mentali mi facciano schifo... poi se vedo un uomo che reputo bello e che ammiro per qualche aspetto ricado nel vortice e sto malissimo, perchè sembra che mi piaccia.
- In tutto ciò con la mia ragazza non ho problemi con il sesso, mi piace sempre. Ma c'è solo la componente ansia...che vorrei non ci fosse, perchè prima era tutto meraviglioso e naturale; adesso c'è solo una grande ansia e paura per via di questi pensieri intrusivi, di questi dubbi che mi fanno sentire gay... paura di stare lì ad illuderla, di prenderla in giro, di prendermi in giro..ma anche di perderla, perchè il solo pensiero mi fa star male, mi fa morire dentro, e mi fa piangere spesso.

Vi prego aiutatemi, ditemi qualcosa.. Cosa ne pensate? ho bisogno del vostro parere, perchè mi sento ogni giorno più giù, sto perdendo me stesso.  PSICO sad.gif

che hai il doc
e che devi leggere le varie discussioni in strategie
e che non devi compulsare

quindi farti domande è compulsare e non devi farlo
scusa ho poco tempo

Giovanna sono molto migliorata... vorrei farti una domanda però in pv?


--------------------
Se solo pensi che sia doc.....Allora è doc....
PM
Top
 
Tommo
Inviato il: Mercoledì, 23-Mar-2016, 20:12
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.462
Utente Nr.: 16.785
Iscritto il: 22-Mar-2016



Ciao a tutti, mi chiamo Tommaso ed ho 19 anni.
Volevo raccontare la mia storia abbastanza brevemente, non voglio annoiarti: tutto iniziò nel Febbraio 2014 quando dopo essere stato mollato dalla mia ragazza per la quale avevo perso la testa, mi piaceva molto, ho avuto un periodo molto difficile, con grande stress emotivo, ero molto triste, mi mancava lei, nonostante coltivassi della rabbia nei suoi confronti per come si era comportata. Mentre ero in classe e guardavamo un film con la professoressa di Italiano, il mio compagno di banco ha cominciato a mangiarsi le unghie, producendo un rumore strano e particolare, allora ho avuto un'immagine intrusiva di me che gli saltavo addosso per baciarlo e sono caduto nel panico, mi sono subito detto:"ma se ho pensato questa cosa significa che sono gay?" e da lì è iniziato l'incubo. Mesi e mesi di dubbi, paure, attacchi di panico, ero molto giù di morale, non capivo cosa mi stava succedendo. Poi pian piano arrivando all'estate, sempre del 2014, il flusso di pensieri,immagini intrusive ha perso potere e ho cominciato a fregarmene. Stavo nuovamente bene, guardavo le ragazze, parlavo di loro coi miei amici, facevo i commenti come qualsiasi gruppo di amici fa quando passano delle belle ragazze. Dunque lo scorso anno passò molto tranquillo, non ebbi delle storie, mi sentii con qualche ragazza ma nulla di più, in realtà volevo stare un po' da solo perché avevo ancora in mente la sofferenza patita per la rottura del fidanzamento prima.
A Dicembre 2015 ricomincia tutto: comincio a percepire una sensazione di nodo alla gola che non spariva ho pensato subito:"sarà sicuramente un tumore", ho cercato su Internet cosa poteva essere questa sensazione di nodo alla gola e attuavo quella che sapientemente tu chiami "astrazione selettiva". Ero convintissimo di avere un tumore, anche quando uscivo con gli amici spesso il pensiero tornava lì e mi diceva:"tanto tu hai un tumore" e mi rattristavo molto. Dopo due mesetti così, mi sono cominciato a tranquillizzare però nel Febbraio 2016 ho visto un ragazzo sul social "Periscope" e lo ritenevo carino, mi piaceva e incuriosiva come si atteggiava perché aveva personalità, allora di nuovo la domanda "ma se ho pensato questo significa che mi interessa e sono gay?", e da li ad oggi (Marzo 2016) e un continuo di dubbi, paure che non spariscono, non sto vivendo bene, come un 19enne meriterebbe, ovvero spensierato, felice, invece sono incappato in questo problema che mi fa vivere veramente male. Ogni giorno ho una sensazione di ansia all'altezza del petto, sempre lì che non se ne va.
Come ben saprai ho sempre la domanda in testa:"ma se fossi gay/ma se sono gay?", appena riesco a distrarmi un po', mi ritorna questa domanda in mente e mi ritorna una sensazione spiacevole. Oppure ultimamente quando sono in salotto coi miei genitori la mia testa mi dice:"dai dì a tua mamma che sei gay, perché lo sei, dopo vivrai bene" e sua volta penso:"oddio, se ho pensato questa cosa significa che sono davvero omosessuale.."E' proprio quest'ultima domanda che mi fa molta paura, è come se la testa vorrebbe obbligarmi a dire che sono gay ad esempio ai miei genitori, ma dopo saprei che comunque non vivrei bene, io non voglio essere gay, voglio essere eterosessuale, voglio amare una donna. In questo periodo sto uscendo con una ragazza che mi interessa e siamo già passati ai baci e palpatine varie e mi eccito subito, quindi capisco di essere eterosessuale, però non riesco a darmi tregua.
Altre domande che penso in testa sono :"come la prenderebbero i tuoi familiari se fossi gay?---->aumento dell'ansia e della paura, oppure "e se il mio non fosse un problema d'ansia, ma sono realmente gay?", o ancora se penso ad esempio qualche gesto un po' "spinto" con la ragazza con cui sto uscendo e non riesco a sentire troppa attrazione penso :"allora se non senti troppa attrazione pensando a quel gesto con la ragazza significa che non ti piace, e che non ti piacciono e quindi sei omosessuale".
Per specificare io non ho MAI guardato roba omosessuale e non ho assolutamente intenzione perché non voglio e so che mi farebbe schifo, ho SEMPRE e solo avuto attrazione per le ragazze, già alle elementari mi piaceva moltissimo una bambina PSICO D.gif o per dire alle medie ero fidanzato con una ragazza, ero innamorato perso di attrici di Disney Channel, in prima superiore avevo perso la testa e fantasticavo per una ragazza della mia scuola, ma più grande e con cui non avrei mai avuto possibilità. Tutto questo per dire che io non ho mai avuto l'interrogativo in testa se potessi essere gay, neanche nella primissima adolescenza. Questo disturbo mi sta distruggendo la vita, voglio tornare a vivere come prima, in tranquillità, avendo occhi solo per le donne (come è sempre stato) e potermi fidanzare felicemente con una ragazza. Ho voglia di tornare a vivere, non ne posso più.
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (82) « Prima ... 80 81 [82]  Closed TopicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0647 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]