Powered by Invision Power Board



Pagine : (2) 1 [2]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Ragazzi Hikikomori, Qualcuno conosce il problema
 
1viaggioalcuore
Inviato il: Giovedì, 19-Apr-2018, 21:13
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 214
Utente Nr.: 16.836
Iscritto il: 04-Apr-2016



Non è una scelta chiudersi in casa è un problema serio e reale che annienta l'animo.
Io non faccio più di 100 metri da casa da oltre 2 anni, non mi sento un privilegiato ma una persona che soffre molto.
PMEmail Poster
Top
 
unipolare
Inviato il: Domenica, 22-Apr-2018, 19:11
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 702
Utente Nr.: 12.398
Iscritto il: 13-Lug-2013



QUOTE (diamanda @ Giovedì, 19-Apr-2018, 09:21)
Io mi riferivo al fatto che è troppo comodo fare l'ikikomori vivendo alle spalle dei genitori.
Un barbone vive in modo autonomo. Spesso alcune persone scelgono la vita della strada in modo volontario. Invece i ragazzi che si chiudono in stanza lo fanno perchè non sanno affrontare il mondo di fuori, hanno mille paure e si chiudono in se stessi. Possono farlo appunto perchè hanno chi li sfama.

Stiamo attenti prima di diventare dei giudici. Nello psico forum c'è molta gente che soffre.La patologie sono le più disparate. Se parliamo con la gente cosiddetta normale i disturbi della psiche spesso sono considerati inesistenti. Molte volte ci considerano incapaci e senza voglia di fare. Sappiamo benissimo che non è così, però vallo a spiegare. Non credo che nessuno possa avere come prospettiva quella di vivere il resto della vita chiuso dentro ad una stanza.
PMEmail Poster
Top
 
panopticon
Inviato il: Domenica, 22-Apr-2018, 23:27
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 3.706
Utente Nr.: 120
Iscritto il: 06-Lug-2007



QUOTE (diamanda @ Sabato, 14-Apr-2018, 15:54)
Se uno vive con la famiglia allora magari si puo permettere di non uscire e avere pasti pronti a tavola. Ma se uno vive da solo deve per forza vivere in una città per poter ordinare qualcosa e poter mangiare. E deve avere un lavoro da fare su internet senza bisogno di uscire. Insomma non è così semplice.

Il ragionamento non fa una piega. Però farei una precisazione.
Un hikikomori non patologico è di solito un adolescente che ben presto si rende conto che la vita da recluso gli sta stretta, che le pressioni esterne ma anche interiori si rafforzano sempre più con il passare degli anni e abbandona quella condizione, magari dopo anche una decina d'anni, dedicandosi magari a un lavoro con poco contatto sociale e rimanendo timido e/o introverso.

Un hikikomori patologico (che in realtà non so fino a che punto sia un hikikomori, piuttosto è un evitante o soffre di altri problemi, depressione, DOC, ecc.) rimane tale anche da adulto, se i problemi che lo bloccano in casa non migliorano. Non ci sono spinte esterne nè interiori sufficienti se uno ha dei limiti gravi.
C'è la famiglia, poi ci può essere un partner a sostituire la famiglia (ovviamente non hikikomori, altrimenti la vedo dura), anche se alcuni possono meravigliarsi di ciò, ma non è da escludere; ci può essere quindi il modo di avere sia cibo, sia beni, sia reddito (lavorando da casa o appoggiandosi economicamente alla famiglia/al partner).
Anche in forme meno radicali di isolamento, quindi con uscite circoscritte, saltuarie, come per quanto riguarda il sottoscritto, c'è il modo di sopravvivere.
Beninteso che chiunque preferirebbe lavorare e uscire con tranquillità, anche senza fare grandi cose, anche il minimo proprio, ma senza l'ansia.

Il rischio di finire sotto un ponte o andare alla Caritas o dover veramente affrontare i propri demoni esiste (con la quasi certezza di fallire e ripiegare comunque sulle prime due ipotesi).
Però se si riesce a spiegare le cose e non si ha a che fare con persone insensibili, spietate, si può arrivare almeno a tollerare una situazione del genere, che non è piacevole ma è inevitabile.
Ovviamente è necessaria la coerenza: non puoi girare in lungo e in largo per svago e non lavorare, non puoi uscire la sera per locali e poi rifiutare le commissioni perchè non vuoi uscire di casa. Altrimenti non sei hikikomori, sei bamboccione.


--------------------
***Cerco persone dell'Alta Brianza con difficoltà a uscire di casa e/o poche amicizie, per confronto virtuale ed eventualmente reale***

Un gruppo chiuso. Per persone chiuse.
Gruppo per ansia sociale, timidezza, evitamento
Pagina Facebook

Gruppo di auto aiuto virtuale per persone con gravi problematiche ansioso-depressive
PM
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (2) 1 [2]  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0580 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]