Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Psicologa Non Vuole Dire La Diagnosi, Cosa Faccio?
 
Piper_
Inviato il: Lunedì, 08-Gen-2018, 12:43
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 1
Utente Nr.: 18.735
Iscritto il: 08-Gen-2018



Mi sono appena iscritta, quindi piacere!
Prima di tutto grazie a tutti quelli che leggeranno e risponderanno.
Allora, vi racconto la storia della mia vita. (Non tutta tranquilli ragazzi).
FINO AI 6 ANNI
- i miei genitori sono sempre stati molto accondiscententi ma mi hanno sempre minacciata con cose tipo "fai la brava o ti diamo le botte, fai la brava o la polizia ti da le botte". Io avevo paura di questo ma volevo anche sfidare questa cosa e quindi facevo il triplo dei capricci, anche se erano pochissime le volte in cui lo facevano davvero. Però non ho mai accettato queste minacce.
- ero aggressiva e violenta per quanto riguardava i miei capricci o delle imposizioni che mi facevano i genitori ed ero supertimida fuori casa.
- Il pediatra dice che ho problemi e di farmi controllare, dice che sono Probabilmente borderline
FINO AGLI UNDICI ANNI
- vengo mandata da una psicologa alle prime armi che non conclude nulla con me perchè sviavo sempre il discorso della mia aggressivitá e violenza, che peggiorano
- peggiora la mia timidezza e ansia per le situazioni sociali, ho una bassa autostima e mi sottometto nelle amicizie
FINO AI 13 ANNI
- mi mandano una sola volta (dopo mi sono rifiutata) da uno psichiatra e dice che ci sarebbe da approfondire, ma sono probabilmente borderline
- mi mandano in un centro psichiatrico per una sola volta(dopo mi sono rifiutata) e dicono di nuovo ai miei che sono probabilmente borderline (mi rifiutavo perchè avevo paura di queste cose psichiatriche diciamo)
- ho una prima esperienza sentimentale e dopo che spariscono le farfalle allo stomaco mi viene una forte ansia da relazione, poi ci lasciamo per altri motivi.
- vengo rinchiusa con l'inganno in un ospedale psichiatrico, avevo supplicato i miei in ginocchio di non abbandonarmi lì dentro, ma lo hanno fatto. In questo ospedale mi fanno più male che bene. Non dicono diagnosi a nessuno e ho saputo da terzi che spesso quelle sulla cartella clinica (che non ho) sono errate.
DOPO I TREDICI ANNI FINO AD ORA 18
- smetto di essere violenta(per paura di una nuova reclusione) ma non aggressiva a parole e lanciando gli oggetti.
- l'ansia sociale e la timidezza aumentano, come la bassa autostima e rinuncio a molte cose, ora riesco però a non averne molta (di ansia sociale)
- vengo sempre vista come quella che crea polemiche e conflitti ma solo in famiglia, in amicizia mi sottometto
- mi fidanzo come lo sono ancora ora e mi viene di nuovo ansia da relazione e sono due anni che la ho, dubbi persistenti sul fatto che non lo amo, voglio lasciarlo ecc.
- cambio spesso opinione sulle persone a seconda di come mi rispondono (se sono scocciati ad esempio)

Ora vado da una psicologa da quando avevo 13 anni, le chiedo spesso una diagnosi.
Lei sostiene che quel che chiedo io(sono borderline? Ho io doc? Boh) sia un'etichetta diagnostica e che la psicologa non possa dirla, ma bensì solo lo psichiatra.
Mi dice solo che sintomi ho, che già conosco e sono quelli che vi ho detto, senza dirmi se ho o meno il disturbo.

Io per ora non vado da nessuno psichiatra perchè sto per cambiarlo ma prendo il risperdal datomi dall'ospedale, non molto.

Voi cosa ne pensate? Cosa dovrei fare? A vostro parere cosa sono?


Grazie a tutti
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0793 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]