Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Parlare In Pubblico
 
diamante351
Inviato il: Lunedì, 26-Feb-2018, 17:35
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 830
Utente Nr.: 14.507
Iscritto il: 05-Ott-2014



Fra un po' dovrò parlare in pubblico, x la prima volta in vita mia...

Non so bene di cosa si parlerà, sarà abbastanza improvvisato e quindi non avrò modo di prepararmi prima, inoltre quello che mi fa più paura sono le domande libere del pubblico.

In queste situazioni la mia vena rigido-schizoide di solito esplode e mi ritrovo un ghiacciolo imbaccalito che sta antipatico a una metà della sala e dall'altra metà è giudicato un deficiente cerebroleso senza speranza...

consigli su come pormi e su cosa fare?


--------------------
So l'ora in cui la faccia più impassibile è traversata da una cruda smorfia: s'è svelata per poco una pena invisibile. Ciò non vede la gente nell'affollato corso.

Voi, mie parole, tradite invano il morso segreto, il vento che nel cuore soffia. La più vera ragione è di chi tace. Il canto che singhiozza è un canto di pace.

(Eugenio Montale)



Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell’altro
e dirà: siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d’amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine. Siediti. E’ festa: la tua vita è in tavola.

(Derek Walcott)


In ciò che sembriamo veniamo giudicati da tutti; in ciò che siamo da nessuno.

(Friedrich Schiller)
PM
Top
 
klm
Inviato il: Mercoledì, 28-Feb-2018, 21:22
Quote Post


Membro Senior
*


Messaggi: 495
Utente Nr.: 9.536
Iscritto il: 18-Gen-2012



Sudore alle mani e battito accelerato al solo pensiero.
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
 
diamante351
Inviato il: Domenica, 04-Mar-2018, 15:53
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 830
Utente Nr.: 14.507
Iscritto il: 05-Ott-2014



eh, già... a me anche un po' di nausea (da ansia, non da schifo)... PSICO puke.gif
grazie della solidarietà comunque! PSICO-si.gif PSICO-si.gif


--------------------
So l'ora in cui la faccia più impassibile è traversata da una cruda smorfia: s'è svelata per poco una pena invisibile. Ciò non vede la gente nell'affollato corso.

Voi, mie parole, tradite invano il morso segreto, il vento che nel cuore soffia. La più vera ragione è di chi tace. Il canto che singhiozza è un canto di pace.

(Eugenio Montale)



Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell’altro
e dirà: siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d’amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine. Siediti. E’ festa: la tua vita è in tavola.

(Derek Walcott)


In ciò che sembriamo veniamo giudicati da tutti; in ciò che siamo da nessuno.

(Friedrich Schiller)
PM
Top
 
Aeroplano italiano
Inviato il: Lunedì, 02-Apr-2018, 17:02
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 2.045
Utente Nr.: 11.442
Iscritto il: 03-Gen-2013



Io sono abituato a parlare in pubblico. Lo so che si affollano in mente tanti pensieri. Ma il trucco c'è : bisogna prepararsi solo la prima frase, quella d'apertura: mai un inizio incerto e moscio, ma un bell'attacco deciso. Poi il resto viene da sé.

Altro trucco: preparare anche l'argomento di chiusura. Quando un oratorio si prolunga, non sapendo bene come chiudere, risulta noioso.


--------------------
Se non sei saggio, siilo :-)
PMEmail Poster
Top
 
diamante351
Inviato il: Lunedì, 02-Apr-2018, 18:43
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 830
Utente Nr.: 14.507
Iscritto il: 05-Ott-2014



Grazie dei consigli Aeroplano... PSICO smile.gif io non sono abituata per niente invece e mettici che sono anche un bel po' introversa! PSICO-green.gif

Sulla frase d'attacco mi sa che hai ragione... ma davvero il resto viene da sé o tu sei un tipo sciolto? unsure.gif

E poi come fare a preparare una frase di chiusura se non si sa dove verterà il discorso nel mezzo?
La mia sarebbe tipo una mini-intervista, ma non ho capito se l'intervistatore mi farà una domanda e poi mi lascerà parlare o se mi interromperà per interloquire e quindi il discorso devierà qua e là...

Poi vorrei capire come è meglio porsi per non dare l'aria né dei pivellini, né degli spocchiosi: sorridenti, fare qualche battuta, essere sicuri di sé (una parola)... Io ho paura di sembrare O inesperta O, per rimediare a ciò, saccente... boh?

Ma soprattutto la domanda delle domande: i quesiti imprevedibili del pubblico!! Hai idea di come gestirli? Quelli mi inquietano proprio tanto!!

Grazie a te o a chi vorrà e saprà rispondere!


--------------------
So l'ora in cui la faccia più impassibile è traversata da una cruda smorfia: s'è svelata per poco una pena invisibile. Ciò non vede la gente nell'affollato corso.

Voi, mie parole, tradite invano il morso segreto, il vento che nel cuore soffia. La più vera ragione è di chi tace. Il canto che singhiozza è un canto di pace.

(Eugenio Montale)



Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell’altro
e dirà: siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d’amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine. Siediti. E’ festa: la tua vita è in tavola.

(Derek Walcott)


In ciò che sembriamo veniamo giudicati da tutti; in ciò che siamo da nessuno.

(Friedrich Schiller)
PM
Top
 
menhir217
Inviato il: Domenica, 15-Apr-2018, 22:16
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 2.330
Utente Nr.: 9.928
Iscritto il: 26-Mar-2012



Anche io mi trovo spesso nella situazione di dover parlare in pubblico. Per quel che mi riguarda, la tranquillità mi deriva dall'essere preparata sull'argomento che devo affrontare e magari nel provare il discorso prima.


--------------------
Se pensi che riuscirai o che non riuscirai, avrai comunque ragione.

Om Shanti.
PM
Top
 
diamante351
Inviato il: Venerdì, 20-Apr-2018, 19:33
Quote Post


Psico Amico
*


Messaggi: 830
Utente Nr.: 14.507
Iscritto il: 05-Ott-2014



Grazie Menhir, io ho fatto una scaletta per ora... PSICO smile.gif
Non è che debba fare una conferenza, e l'argomento non so benissimo dove verterà non parlando io da sola... inoltre vorrei evitare di dare l'impressione di ripetere una cosa preparata a pappagallo, quando in realtà sono le mie idee che devo esporre... il colmo è proprio là, ce le ho chiare, mi sono venute quando mi ha anticipato la domanda, ma poi nel ripeterle sembra io debba studiare le cose di altri, cioè mi dimentico o ho paura di dimenticarmi i miei stessi pensieri!

Grazie a chiunque mi vorrà dare consigli, il momento si avvicina...
0007.gif


--------------------
So l'ora in cui la faccia più impassibile è traversata da una cruda smorfia: s'è svelata per poco una pena invisibile. Ciò non vede la gente nell'affollato corso.

Voi, mie parole, tradite invano il morso segreto, il vento che nel cuore soffia. La più vera ragione è di chi tace. Il canto che singhiozza è un canto di pace.

(Eugenio Montale)



Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell’altro
e dirà: siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d’amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine. Siediti. E’ festa: la tua vita è in tavola.

(Derek Walcott)


In ciò che sembriamo veniamo giudicati da tutti; in ciò che siamo da nessuno.

(Friedrich Schiller)
PM
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0833 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]