Powered by Invision Power Board



  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Gestire Le Paure Dei Bambini
 
giovannalapazza
Inviato il: Martedì, 10-Mar-2009, 17:27
Quote Post


Amministratrice Socratica
********


Messaggi: 58.783
Utente Nr.: 38
Iscritto il: 02-Lug-2007



Prendere sul serio le paure dei figli e parlarne con loro utilizzando un linguaggio adeguato alla loro età.

- Ascoltare i racconti del bambino senza sminuirli. E' importante che il bambino impari a parlare delle sue paure e a chiedere aiuto.

- Rafforzare nel bambino la fiducia in se stesso, stargli emotivamente vicino e rassicurarlo.

- Aiutare i bambini a dare dei nomi ai propri sentimenti e alle proprie emozioni, rispettandole.

- Far sì che si sentano liberi di manifestare le loro paure; questo li aiuta a rendersi conto che queste sono di tutti, adulti compresi e che è necessario coraggio e determinazione per superarle.

- Favorire l'espressione delle emozioni e delle paure tramite il disegno, il gioco e la drammatizzazione.

- Scegliere accuratamente anche con i figli stessi, letture specifiche (da affrontare da soli o con i genitori), grazie alle quali possano comprendere e superare le loro paure.

- Essere sempre attenti ed interessati alla loro vita relazionale, confrontandosi con educatori ed insegnanti.

- Essere decisi e sicuri nell'educazione alle regole che si ritengono fondamentali; la mancanza di queste e l'incoerenza provocano, infatti, paura ed insicurezza nei confronti dell'ambiente.

- Evitare di sottoporre i bambini ed i ragazzi a richieste eccessive: ciò può creare sentimenti di inadeguatezza e di incapacità che possono sfociare in paure e stati di ansia.

- Evitare di usare espressioni quali: "...ormai sei grande..." o "...cerca di fare l'ometto...". Certe affermazioni, infatti, finiscono per responsabilizzare troppo i bambini rischiando di farli sentire inadeguati.

- "Abituare" i figli alle loro paure in modo graduale e senza forzature. Alcuni necessitano di più tempo rispetto ad altri per imparare ad affrontare e gestire situazioni nuove.

- Comunicare apertamente che alcune paure sono appropriate per proteggerci dai pericoli dell'ambiente circostante (es. toccare oggetti roventi, giocare per strada, frequentare alcune zone della città, etc.).

- Far sì che i figli si sentano legittimati a provare sentimenti di paura.

- Le paure diminuiscono se sentiamo di poterle controllare. Ricordiamo ai bambini che possono ad es. chiudere gli occhi o spegnere il televisore se un'immagine è troppo forte e fonte di ansia.

- Evitare di lasciare solo il bambino davanti al telegiornale o a film con immagini troppo forti: in ogni caso, è bene cercare di spiegare ciò che sta avvenendo in modo comprensibile e realistico, distinguendo i fatti reali da quelli riportati dai film.

- Prestare particolare attenzione alle nostre reazioni; i bambini ed i ragazzi sono influenzati dal nostro comportamento e la paura può essere molto contagiosa.


- Fare attenzione al contenuto e alle modalità degli scambi verbali in famiglia o con gli amici; spesso non ci si rende conto di quanto certe affermazioni per noi banali, possano influenzare il pensiero dei bambino o dei ragazzi (es. "non si è più sicuri neanche a casa propria...." ecc.).

Nel caso in cui le paure siano legate ad eventi particolarmente traumatici - come una guerra - è importante:

- dedicare molta attenzione ai figli; stare più vicini fisicamente, evitando prolungati periodi di assenza se non strettamente necessari;

- aiutarli a capire cosa sta succedendo, spiegando con parole semplici e dicendo la verità: sebbene i genitori siano tentati di nascondere ai figli la drammaticità di alcuni avvenimenti, non è di alcuna utilità fornire informazioni false o evitare di parlarne;

- nel parlare della guerra è importante usare un linguaggio e discutere concetti appropriati all'età e agli interessi del bambino: si possono adottare esempi concreti con i più piccoli ed affrontare temi più complessi con gli adolescenti;

- aprire conversazioni su quanto hanno sentito o pensano in relazione alla guerra, cercando di capire cosa pensano ed eventualmente se abbiano maturato convinzioni sbagliate (a causa di una confusione tra realtà e fantasia); rispettare, però, il desiderio del bambino di non parlare di questi temi;

- prestare molta attenzione anche al comportamento non verbale, come le espressioni facciali, la postura o i giochi;


- rispondere alle domande, anche se ripetute e insistenti;

- aiutarli ad esprimere quello che provano, rispettando i loro sentimenti;

- aiutarli a capire che è normale avere paura, sentirsi tristi ed arrabbiati;
- aiutare a far fronte alle paure e all'ansia, parlandone insieme e cercando insieme un modo per superarle;
-

fare con loro attività piacevoli e rilassanti, aiutarli a mantenere le normali attività quotidiane;

- alimentare il loro senso di sicurezza, dicendo loro che saranno protetti in ogni modo e che possono raggiungere la mamma ed il papà quando vogliono (ad esempio al cellulare);

- proteggerli da ripetute esposizioni ad immagini traumatiche (ad esempio, televisive) e cogliere l'occasione per guardare con loro la televisione che può sollevare diversi spunti di dialogo.


--------------------
See me
Se ti senti triste vai qui: http://vibrisse.tumblr.com/


Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea


visitate la nuova cartella: vincere le ossessioni
PM
Top
 
erika
Inviato il: Martedì, 10-Mar-2009, 17:41
Quote Post


Psico Zio
***


Messaggi: 2.954
Utente Nr.: 27
Iscritto il: 01-Lug-2007



bello, interessante.
Nel concreto è difficile mettere in pratica questi consigli.
Per esempio:
nel periodo dei bombardamenti su Gaza, mia figlia (sei anni) ha visto una foto terrificante sul giornale. Una bambina morta e sepolta dalla terra con solo la testa che spuntava.
L'ha guardata e mi ha detto: "Ho paura"
Che dirle?
Le ho risposto: "tranquilla, qui non succede". Non sapevo cosa dire.


--------------------
user posted image

non volendo pensare a quello che mi porterà il domani, mi sento libero come un uccello (gandhi)

Devi sapere quello che vuoi altrimenti devi prendere quello che viene
PM
Top
Adv
Adv














Top
 
giovannalapazza
Inviato il: Mercoledì, 11-Mar-2009, 10:32
Quote Post


Amministratrice Socratica
********


Messaggi: 58.783
Utente Nr.: 38
Iscritto il: 02-Lug-2007



QUOTE (erika @ Martedì, 10-Mar-2009, 17:41)
bello, interessante.
Nel concreto è difficile mettere in pratica questi consigli.
Per esempio:
nel periodo dei bombardamenti su Gaza, mia figlia (sei anni) ha visto una foto terrificante sul giornale. Una bambina morta e sepolta dalla terra con solo la testa che spuntava.
L'ha guardata e mi ha detto: "Ho paura"
Che dirle?
Le ho risposto: "tranquilla, qui non succede". Non sapevo cosa dire.

secondo me una mamma sa già quello che deve dire

specie una mamma sensibile come te


--------------------
See me
Se ti senti triste vai qui: http://vibrisse.tumblr.com/


Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea


visitate la nuova cartella: vincere le ossessioni
PM
Top
Matita
Inviato il: Mercoledì, 11-Mar-2009, 16:16
Quote Post


Unregistered









Sì ma con le dodicenni come la mettiamo? Doh!.gif Doh!.gif
Top
 
ex-admin-forum
Inviato il: Mercoledì, 11-Mar-2009, 16:39
Quote Post


Deus ex machina
****


Messaggi: 6.863
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 29-Giu-2007



QUOTE (Matita @ Mercoledì, 11-Mar-2009, 15:16)
Sì ma con le dodicenni come la mettiamo? Doh!.gif Doh!.gif

secondo me una mamma sa già quello che deve dire

specie una mamma sensibile come te PSICO-asd.gif
PMEmail Poster
Top
 
ex-admin-forum
Inviato il: Mercoledì, 11-Mar-2009, 16:42
Quote Post


Deus ex machina
****


Messaggi: 6.863
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 29-Giu-2007



QUOTE (giovannalapazza @ Martedì, 10-Mar-2009, 16:27)
Prendere sul serio le paure dei figli e parlarne con loro utilizzando un linguaggio adeguato alla loro età.

- Ascoltare i racconti del bambino senza sminuirli. E' importante che il bambino impari a parlare delle sue paure e a chiedere aiuto.

- Rafforzare nel bambino la fiducia in se stesso, stargli emotivamente vicino e rassicurarlo.

- Aiutare i bambini a dare dei nomi ai propri sentimenti e alle proprie emozioni, rispettandole.

- Far sì che si sentano liberi di manifestare le loro paure; questo li aiuta a rendersi conto che queste sono di tutti, adulti compresi e che è necessario coraggio e determinazione per superarle.

- Favorire l'espressione delle emozioni e delle paure tramite il disegno, il gioco e la drammatizzazione.

- Scegliere accuratamente anche con i figli stessi, letture specifiche (da affrontare da soli o con i genitori), grazie alle quali possano comprendere e superare le loro paure.

- Essere sempre attenti ed interessati alla loro vita relazionale, confrontandosi con educatori ed insegnanti.

- Essere decisi e sicuri nell'educazione alle regole che si ritengono fondamentali; la mancanza di queste e l'incoerenza provocano, infatti, paura ed insicurezza nei confronti dell'ambiente.

- Evitare di sottoporre i bambini ed i ragazzi a richieste eccessive: ciò può creare sentimenti di inadeguatezza e di incapacità che possono sfociare in paure e stati di ansia.

- Evitare di usare espressioni quali: "...ormai sei grande..." o "...cerca di fare l'ometto...". Certe affermazioni, infatti, finiscono per responsabilizzare troppo i bambini rischiando di farli sentire inadeguati.

- "Abituare" i figli alle loro paure in modo graduale e senza forzature. Alcuni necessitano di più tempo rispetto ad altri per imparare ad affrontare e gestire situazioni nuove.

- Comunicare apertamente che alcune paure sono appropriate per proteggerci dai pericoli dell'ambiente circostante (es. toccare oggetti roventi, giocare per strada, frequentare alcune zone della città, etc.).

- Far sì che i figli si sentano legittimati a provare sentimenti di paura.

- Le paure diminuiscono se sentiamo di poterle controllare. Ricordiamo ai bambini che possono ad es. chiudere gli occhi o spegnere il televisore se un'immagine è troppo forte e fonte di ansia.

- Evitare di lasciare solo il bambino davanti al telegiornale o a film con immagini troppo forti: in ogni caso, è bene cercare di spiegare ciò che sta avvenendo in modo comprensibile e realistico, distinguendo i fatti reali da quelli riportati dai film.

- Prestare particolare attenzione alle nostre reazioni; i bambini ed i ragazzi sono influenzati dal nostro comportamento e la paura può essere molto contagiosa.


- Fare attenzione al contenuto e alle modalità degli scambi verbali in famiglia o con gli amici; spesso non ci si rende conto di quanto certe affermazioni per noi banali, possano influenzare il pensiero dei bambino o dei ragazzi (es. "non si è più sicuri neanche a casa propria...." ecc.).

Nel caso in cui le paure siano legate ad eventi particolarmente traumatici - come una guerra - è importante:

- dedicare molta attenzione ai figli; stare più vicini fisicamente, evitando prolungati periodi di assenza se non strettamente necessari;

- aiutarli a capire cosa sta succedendo, spiegando con parole semplici e dicendo la verità: sebbene i genitori siano tentati di nascondere ai figli la drammaticità di alcuni avvenimenti, non è di alcuna utilità fornire informazioni false o evitare di parlarne;

- nel parlare della guerra è importante usare un linguaggio e discutere concetti appropriati all'età e agli interessi del bambino: si possono adottare esempi concreti con i più piccoli ed affrontare temi più complessi con gli adolescenti;

- aprire conversazioni su quanto hanno sentito o pensano in relazione alla guerra, cercando di capire cosa pensano ed eventualmente se abbiano maturato convinzioni sbagliate (a causa di una confusione tra realtà e fantasia); rispettare, però, il desiderio del bambino di non parlare di questi temi;

- prestare molta attenzione anche al comportamento non verbale, come le espressioni facciali, la postura o i giochi;


- rispondere alle domande, anche se ripetute e insistenti;

- aiutarli ad esprimere quello che provano, rispettando i loro sentimenti;

- aiutarli a capire che è normale avere paura, sentirsi tristi ed arrabbiati;
- aiutare a far fronte alle paure e all'ansia, parlandone insieme e cercando insieme un modo per superarle;
-

fare con loro attività piacevoli e rilassanti, aiutarli a mantenere le normali attività quotidiane;

- alimentare il loro senso di sicurezza, dicendo loro che saranno protetti in ogni modo e che possono raggiungere la mamma ed il papà quando vogliono (ad esempio al cellulare);

- proteggerli da ripetute esposizioni ad immagini traumatiche (ad esempio, televisive) e cogliere l'occasione per guardare con loro la televisione che può sollevare diversi spunti di dialogo.

una sorta di decalogo pret a porter, ma ahimè credo sia difficile da eseguire perfettamente blush.gif
PMEmail Poster
Top
Matita
Inviato il: Mercoledì, 11-Mar-2009, 16:46
Quote Post


Unregistered









QUOTE (Admin-forum @ Mercoledì, 11-Mar-2009, 15:39)
QUOTE (Matita @ Mercoledì, 11-Mar-2009, 15:16)
Sì ma con le dodicenni come la mettiamo?  Doh!.gif  Doh!.gif

secondo me una mamma sa già quello che deve dire

specie una mamma sensibile come te PSICO-asd.gif

Sì ma la mamma sensibile ogni tanto sbotta.
Bel decalogo... cioè bellissimo davvero, in linea di massima è ciò che ho cercato di fare quando era piccina.
Ma i decaloghi di solito hanno una difettuccio... non tengono conto dei singoli casi.
Che sono migliaia, e non c'è decalogo che gli stia dietro.

(uh, oggi sono di nuovo acida... PSICO D.gif )

PSICO-kiss.gif
Top
 
lovXvol
Inviato il: Domenica, 15-Mar-2009, 02:11
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.687
Utente Nr.: 2.626
Iscritto il: 21-Nov-2008



Grazie, io l'ho trovato interessante, devo dire che da quanto leggo pare ho tenuto un atteggiamento sbagliato.

Quando mi ripeteva di continuo una domanda dopo le terza-quarta risposta io... Poi la storia che ormai è un ometto gliela ripeto spesso...



--------------------
Won-tolla io sono...
Gli adulti non capiscono mai niente da soli ed è una noia che i bambini siano sempre eternamente costretti a spiegar loro le cose.
Scuse pallide e pensieri sdruciti...
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Mi manchi tato... In alto i cuori...
user posted image
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
Xyz
Inviato il: Mercoledì, 18-Mar-2009, 12:49
Quote Post


Unregistered









Hanno sbagliato tutto, i miei... ma almeno hanno evitato di farmi crescere come una cacasotto riempiendomi di divieti e instillandomi la paura dello sconosciuto, dello straniero, del delinquente, dei "pericoli". Sono cresciuta allo stato brado, e questo per me non è del tutto un male. Di mio, poi, non sono mai stata impressionabile.
Ho avuto paura, direi terrore, delle persone, ma non per questo.
Se mia madre mi vede piangere mi ricopre di insulti. Da bambina no, ma solo perchè non piangevo mai PSICO rolleyes.gif
Top
 
giovannalapazza
Inviato il: Sabato, 04-Ott-2014, 12:12
Quote Post


Amministratrice Socratica
********


Messaggi: 58.783
Utente Nr.: 38
Iscritto il: 02-Lug-2007



up


--------------------
See me
Se ti senti triste vai qui: http://vibrisse.tumblr.com/


Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea


visitate la nuova cartella: vincere le ossessioni
PM
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0699 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]