Powered by Invision Power Board



Pagine : (2) 1 [2]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Domanda E Scambio Di Opinioni
 
Drekin
Inviato il: Martedì, 04-Mag-2021, 12:27
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.039
Utente Nr.: 18.576
Iscritto il: 07-Ott-2017



Si,i curiosi ci sono da ambo le parti effettivamente
PMEmail Poster
Top
 
Karma30
Inviato il: Martedì, 04-Mag-2021, 14:59
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 14
Utente Nr.: 19.842
Iscritto il: 02-Giu-2020



Ragazze mie (ed eventuali ragazzi miei), in questa discussione devo necessariamente intervenire, quindi immaginatemi mentre mi scrocchio le dita e inizio a scrivere!
Mi dilungheró un po', però spero ne valga la pena!
Sono una studentessa di medicina e attualmrnte frequento un reparto neuropsichiatrico (in quanto studentessa, non come paziente PSICO ahah.gif) . Proprio ultimamente mi è capitato di avere a che fare con una ragazzina (in reparto per problemi diversi) la cui madre ha riferito di aver sempre saputo che alla figlia piacessero le bambine in quanto a SEI ANNI aveva iniziato a riferirlo a gran voce a chiunque incontrasse per la strada. E questa cosa mi ha fatto molto riflettere e alzare un attimo lo sguardo rispetto alla mia nube di pensieri: ho iniziato, come molte di voi, ad avere le mie prime cotte fin dall'asilo e dalle scuole elementari verso i bambini.
Ho sempre avuto una determinata pulsione verso qualcosa, sono sempre corsa alla ricerca del principe azzurro, ho sempre desiderato il ragazzo che facesse al caso mio, ma sono stata tanto selettiva.
Qualcuna si ritrova in questo discorso (quale che sia il genere di preferenza)? Secondo me si.
E mi direte che però quella volta avete pensato che quella ragazza con gli occhi azzurrissimi fosse bellissima, ma avete mai desiderato starci insieme? Averla vicino, baciarla, sposarla, farla innamorare di voi? Mmm... Qualcosa mi dice di no.
E non mi dite 'non lo so', perché prima del doc non ci avete pensato, e al massimo avrete avuto un minimo di curiosità generica.
La bisessualità è rara, si, ma esiste, e si tratta di persone che vogliono, desiderano mettere in pratica determinate cose, e lo desideravano prima di porsi una domanda infinita da cui non se ne esce più.
Dopo 3 anni dall'inizio del mio doc, con lunghe pause e aspre ricadute, ho capito che potenzialmente potrei fare qualsiasi cosa.
Inteso come il fatto che un giorno potrei anche mettermi alla prova, fare l'amore con una ragazza e non ricavare comunque niente che non sia ansia! Perché come dice la mia psicologa... Potenzialmente possiamo fare tutto, ma siamo fatti di scelte (e no, non parlo di scelta dell'orientamento, ma di una scelta nelle azioni. E queste azioni salvo rarissimi casi sono conseguenza di un orientamento innato)
Ho imparato che in un momento di ansia (ora divento volgare) un paio di tette potrebbe sembrarmi bello, eccitante, potrei avere paura... E poi rivedendo lo stesso paio di tette durante un momento di calma penserei semplicemente che anche io le vorrei così. Stop. Nessuno sbrodolamento. E credetemi, sono lontana dall'uscirne definitivamente, perché anche scrivendo continuo a chiedermi se ne sia sicura, ma ricordo benissimo come nei momenti di calma, fino ad un paio di mesi fa, io sia stata in grado di chiedermi MA COME CAVOLO HO FATTO A PENSARE DI ESSERE LESBICA O BI? Conosco le sensazioni che provo baciando il mio ragazzo, anche se cerco di metterle in dubbio io stessa o mi sforzo di viverle male.

Alla fine credo che possano esistere potenzialmente esperienze di tutti i tipi, ma... Dopo aver letto letteralmente DI TUTTO su internet ho capito che l'unica esperienza che vale è la nostra. E se sentiamo di non volerlo fare... Non lo vogliamo fare! E questo significa che probabilmente questa bisessualità di fondo di tutti quanti è qualcosa che a differenza del vero orientamento di base deve passare dal grande cancello rappresentato dalla volontà. Ci ho messo un po', ma sono arrivata al punto.

E per rispondere alla rad-fem che ha avuto un cambio di voce... Mi chiedo davvero cosa voglia dimostrare, e se lei per prima non sia vittima dei suoi stessi cliché (e pure falsi).
PMEmail Poster
Top
 
Drekin
Inviato il: Martedì, 04-Mag-2021, 21:23
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.039
Utente Nr.: 18.576
Iscritto il: 07-Ott-2017



Io ricordo vari episodi della mia infanzia, dove ci stavano già dei segnali più o meno evidenti della mia omosessualità. Era anche vero il fatto che dicevo che mi piaceva un mio compagno di classe (scelto appositamente) e mi capitava all'inizio di fantasticare sulla cosidetta ''famiglia del mulino bianco'' giusto tanto per. Ma per il resto non percepivo un grande interesse verso il sesso opposto, insomma non impazzivo per loro laugh.gif anzi quando ero piccola mi chiedevo il perché ai maschi dovessero piacere le femmine e viceversa, e mi domandavo se ci fosse anche altro (diciamo che lo trovavo strano). Ero una bambina a cui faceva schifo tutto, ero contro il matrimonio, i fidanzamenti e non mi piacevano i bambini. In più ricordo anche che ogni coppia etero che vedevo baciarsi, mi dava un sacco noia (ma forse era colpa dell'età) anche se crescendo questa cosa non è cambiata tantissimo xD Ovviamente non vado in giro a sparare con il fucile ogni coppia etero che vedo (ci mancherebbe pure) ma più di tanto su di loro non mi soffermo, se non magari per guardare la ragazza del tizio. Potenzialmente sì, possiamo fare sesso anche con un cane, un oggetto, una pianta, anche un morto volendo. Ma ciò riguarda infatti l'azione (cioè il comportamento che può essere scelto) ma i gusti e i sentimenti non sono determinati dalle scelte, ma dipendono probabilmente da altro. Oltre al fatto che essere lesbica (ma questo vale anche per altri orientamenti) non consiste solo nel fare sesso con A o B o a farsi venire certe pulsazioni nel basso ventre, solo perché per via di un paio di tette (le tette piacciono a tutti PSICO D.gif ) ma è tutto un insieme, che con la politca, la trasgressione o il platonismo non ci azzecca nulla. Non so francamente cosa avesse per la testa quella rad-fem, forse associava la voce acuta e stridula a un'imposizione di stampo patriarcale (tanto per cambiare PSICO-asd.gif )
PMEmail Poster
Top
 
Laura777
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 02:58
Quote Post


Nuovo iscritto



Messaggi: 40
Utente Nr.: 20.217
Iscritto il: 11-Apr-2021



E' sempre bello vedere persone che ragionano ancora(noi di questo forum lo facciamo anche eccessivamente ahahah), in un tempo dove gli estremismi fanno da padroni! Tanti etero che non riescono ad accettare un orientamento diverso dal loro (e questo è noto), ma di contro anche tanti omosessuali che sembrano voler convincere gli altri che tutti sono gay di fondo e disprezzano gli etero (non so se mi sono spiegata). Io personalmente da quando soffro di doc omosex ho sviluppato una forte empatia nei confronti delle persone omosessuali, non che mi servisse sentirmi toccata dalla questione per averla, ma adesso ho una comprensione maggiore di tutto quello che gli ruota attorno. Personalmente mi è capitato solo una volta di sentire da parte di una ragazza la sua consapevolezza di essere bisex fin dalla tenera età, per il resto vedo persone dichiararsi bisex e poi stare praticamente solo con uno dei due sessi, non voglio dire che ultimamente sia diventata una moda, ma purtroppo è così per molti. Con questo non dico non esista ovviamente, ma concordo con voi sia più rara di quanto si pensi. Per quanto riguarda la cosa che ti ha detto la psicologa, karma...la questione della "scelta" è una cosa che dice sempre anche a me la mia, che alla fine siamo determinati dalle nostre azioni più che dai nostri pensieri. Vi ringrazio, ritrovo sempre un confronto costruttivo qui wub.gif
PMEmail Poster
Top
 
eudaimonia
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 16:54
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 168
Utente Nr.: 20.174
Iscritto il: 09-Mar-2021



QUOTE (Karma30 @ Martedì, 04-Mag-2021, 13:59)
Ragazze mie (ed eventuali ragazzi miei), in questa discussione devo necessariamente intervenire, quindi immaginatemi mentre mi scrocchio le dita e inizio a scrivere!
Mi dilungheró un po', però spero ne valga la pena!
Sono una studentessa di medicina e attualmrnte frequento un reparto neuropsichiatrico (in quanto studentessa, non come paziente PSICO ahah.gif) . Proprio ultimamente mi è capitato di avere a che fare con una ragazzina (in reparto per problemi diversi) la cui madre ha riferito di aver sempre saputo che alla figlia piacessero le bambine in quanto a SEI ANNI aveva iniziato a riferirlo a gran voce a chiunque incontrasse per la strada. E questa cosa mi ha fatto molto riflettere e alzare un attimo lo sguardo rispetto alla mia nube di pensieri: ho iniziato, come molte di voi, ad avere le mie prime cotte fin dall'asilo e dalle scuole elementari verso i bambini.
Ho sempre avuto una determinata pulsione verso qualcosa, sono sempre corsa alla ricerca del principe azzurro, ho sempre desiderato il ragazzo che facesse al caso mio, ma sono stata tanto selettiva.
Qualcuna si ritrova in questo discorso (quale che sia il genere di preferenza)? Secondo me si.
E mi direte che però quella volta avete pensato che quella ragazza con gli occhi azzurrissimi fosse bellissima, ma avete mai desiderato starci insieme? Averla vicino, baciarla, sposarla, farla innamorare di voi? Mmm... Qualcosa mi dice di no.
E non mi dite 'non lo so', perché prima del doc non ci avete pensato, e al massimo avrete avuto un minimo di curiosità generica.
La bisessualità è rara, si, ma esiste, e si tratta di persone che vogliono, desiderano mettere in pratica determinate cose, e lo desideravano prima di porsi una domanda infinita da cui non se ne esce più.
Dopo 3 anni dall'inizio del mio doc, con lunghe pause e aspre ricadute, ho capito che potenzialmente potrei fare qualsiasi cosa.
Inteso come il fatto che un giorno potrei anche mettermi alla prova, fare l'amore con una ragazza e non ricavare comunque niente che non sia ansia! Perché come dice la mia psicologa... Potenzialmente possiamo fare tutto, ma siamo fatti di scelte (e no, non parlo di scelta dell'orientamento, ma di una scelta nelle azioni. E queste azioni salvo rarissimi casi sono conseguenza di un orientamento innato)
Ho imparato che in un momento di ansia (ora divento volgare) un paio di tette potrebbe sembrarmi bello, eccitante, potrei avere paura... E poi rivedendo lo stesso paio di tette durante un momento di calma penserei semplicemente che anche io le vorrei così. Stop. Nessuno sbrodolamento. E credetemi, sono lontana dall'uscirne definitivamente, perché anche scrivendo continuo a chiedermi se ne sia sicura, ma ricordo benissimo come nei momenti di calma, fino ad un paio di mesi fa, io sia stata in grado di chiedermi MA COME CAVOLO HO FATTO A PENSARE DI ESSERE LESBICA O BI? Conosco le sensazioni che provo baciando il mio ragazzo, anche se cerco di metterle in dubbio io stessa o mi sforzo di viverle male.

Alla fine credo che possano esistere potenzialmente esperienze di tutti i tipi, ma... Dopo aver letto letteralmente DI TUTTO su internet ho capito che l'unica esperienza che vale è la nostra. E se sentiamo di non volerlo fare... Non lo vogliamo fare! E questo significa che probabilmente questa bisessualità di fondo di tutti quanti è qualcosa che a differenza del vero orientamento di base deve passare dal grande cancello rappresentato dalla volontà. Ci ho messo un po', ma sono arrivata al punto.

E per rispondere alla rad-fem che ha avuto un cambio di voce... Mi chiedo davvero cosa voglia dimostrare, e se lei per prima non sia vittima dei suoi stessi cliché (e pure falsi).

Complimenti veramente. Grazie per questo messaggio penso sia utilissimo e veramente mette in luce la pretenziosità del doc e la semplicità disarmante della realtà dei fatti.
In fondo, nonostante il doc, che a me ultimamente semplicemente bombarda di immagini sessuali senza senso, noi sappiamo ciò che veramente ci rende felici, e c'è una differenza abissale fra la tortura di pensieri involontari e la gioia di quando con le nostre azioni costruiamo la vita affettiva e sessuale che realmente desideriamo.

Ha ragione Lucio di liberi da ossessioni, quando scrive che "quando la mente mente, segui il cuore.".
Il doc è un maledetto disturbo mentale, ci può far stare male, ci può raccontare qualsiasi storia... Ma non può toglierci ciò che abbiamo se noi abbiamo comunque la forza di andare a prendercelo.



--------------------
PANTA REI - tutto scorre
PM
Top
 
eudaimonia
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 17:04
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 168
Utente Nr.: 20.174
Iscritto il: 09-Mar-2021



QUOTE (Laura777 @ Mercoledì, 05-Mag-2021, 01:58)
E' sempre bello vedere persone che ragionano ancora(noi di questo forum lo facciamo anche eccessivamente ahahah), in un tempo dove gli estremismi fanno da padroni! Tanti etero che non riescono ad accettare un orientamento diverso dal loro (e questo è noto), ma di contro anche tanti omosessuali che sembrano voler convincere gli altri che tutti sono gay di fondo e disprezzano gli etero (non so se mi sono spiegata). Io personalmente da quando soffro di doc omosex ho sviluppato una forte empatia nei confronti delle persone omosessuali, non che mi servisse sentirmi toccata dalla questione per averla, ma adesso ho una comprensione maggiore di tutto quello che gli ruota attorno. Personalmente mi è capitato solo una volta di sentire da parte di una ragazza la sua consapevolezza di essere bisex fin dalla tenera età, per il resto vedo persone dichiararsi bisex e poi stare praticamente solo con uno dei due sessi, non voglio dire che ultimamente sia diventata una moda, ma purtroppo è così per molti. Con questo non dico non esista ovviamente, ma concordo con voi sia più rara di quanto si pensi. Per quanto riguarda la cosa che ti ha detto la psicologa, karma...la questione della "scelta" è una cosa che dice sempre anche a me la mia, che alla fine siamo determinati dalle nostre azioni più che dai nostri pensieri. Vi ringrazio, ritrovo sempre un confronto costruttivo qui wub.gif

Per quanto riguarda il pensiero e l'azione... Ovviamente come saprete questo è uno dei temi centrali dell'orientamento cognitivo comportamentale e non voglio dilungarmi troppo, però a me è stato appunto questo che mi ha permesso di stare decisamente meglio.
Il pensiero è un fiume indomito di cose, una marea di cose assolutamente involontarie che volano, vengono e vanno via. I pensieri possono raccontarci cose che ci fanno piacere, cose che non ci piacciono, cose che ci spaventano, cose che ci disgustano... Ma una massa involontaria di cose non potrà mai determinare chi siamo noi. Chi siamo noi è definito da quello che noi scegliamo di raccogliere, da quello che salviamo in quella marea di pensieri in gran parte inutili, e cosa noi, con le nostre azioni e le nostre volontà, decidiamo di costruire intorno ai pensieri che ci piacciono e che vogliamo sviluppare.

Anche per una mente con il doc è così... Il doc può tenerci in testa pensieri sessuali (e non solo) che non ci appartengono, che dopo tutto questo rimuginare ancora non ci sono piaciuti: ma se qualcosa non ci piace abbiamo diritto di non farla, anche a fronte di un cervello ripetitivo che per timore di una cosa ti fissa delle immagini in testa. La paura è ben diversa dalla nostra volontà, e la nostra volontà è l'unica cosa la cui realizzazione può renderci felici. E tutti in cuor proprio sanno cosa li rende felici, quali azioni servono, quale volontà realizzare.

Non perdiamo altro tempo dietro i pensieri malati e abbiate il coraggio di vivere la vostra volontà. E la felicità che se ne ricava è tre volte tanto quella delle persone senza doc, perché noi lo viviamo non col pilota automatico, ma con la consapevolezza che questa è la via per l'autentica felicità.

Un abbraccio a tutti e ancora grazie PSICO hug.gif


--------------------
PANTA REI - tutto scorre
PM
Top
 
ColpaMia
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 18:13
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 136
Utente Nr.: 19.684
Iscritto il: 02-Feb-2020



La discussione è interessante vorreo dire anche la mia.
Io sono nato in Sicilia è lo vige una certa cultura verso tutto ciò che non è etero , lo stesso mio padre ne è un esempio . Lui è a tutti gli effetti quello che voi definoreste un omofobico , odia il diverso e non si fa problemi a nasconderlo e io non vi nascondo che tempo fa anche io non ero proprio un amico dei omosessuali , reputavo il tutto come una malattia un errore e che il sesso corretto fosse solo quello tra uomo e donna anche perché era l'unico che poteva generare una prole.
Io vedo la sessualità come un misto di destino e libero arbitrio .
Voi sapete cos'è la legge di Darwin sulla selezione naturale ? Praticamente gli esseri viventi nascono con un miscuglio di caratteri fisici e poi quelli che si adattano meglio all'ambiente sopravvivono e si riproducono.
Ora noi umani nasciamo con tutti i tipi di sessualità poi però dipende l'ambiente il carattere e l'educazione sviluppiamo la nostra sessualità, quindi mi chiedo bisex o no cosa cambia? Per esempio io adoro un ragazzo di instagram che è gay e ha dei lineamenti del viso molto femminili al punto tale che con una parucca sembra una donna , sono gay ? Bisex ? Etero ?
Cose che mi piace di lui, il suo aspetto femminile ? Una volta ero convinto di saperlo adesso bho.
PMEmail Poster
Top
 
Getfree
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 20:35
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.230
Utente Nr.: 18.781
Iscritto il: 27-Gen-2018



no io credo che la sessualità sia qualcosa di genetico, insomma, non è che sono l'ambiente, il carattere e l'educazione che te la creano!

"poi quelli che si adattano meglio all'ambiente sopravvivono e si riproducono"
scusa così fai passare i gay come quelli che non si adattano, insomma i difettosi e di serie B...


--------------------
NON RASSICURARTI, NON COMPULSARE!
PMEmail Poster
Top
 
Drekin
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 22:02
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.039
Utente Nr.: 18.576
Iscritto il: 07-Ott-2017



QUOTE (ColpaMia @ Mercoledì, 05-Mag-2021, 17:13)
La discussione è interessante vorreo dire anche la mia.
Io sono nato in Sicilia è lo vige una certa cultura verso tutto ciò che non è etero , lo stesso mio padre ne è un esempio . Lui è a tutti gli effetti quello che voi definoreste un omofobico , odia il diverso e non si fa problemi a nasconderlo e io non vi nascondo che tempo fa anche io non ero proprio un amico dei omosessuali , reputavo il tutto come una malattia un errore e che il sesso corretto fosse solo quello tra uomo e donna anche perché era l'unico che poteva generare una prole.
Io vedo la sessualità come un misto di destino e libero arbitrio .
Voi sapete cos'è la legge di Darwin sulla selezione naturale ? Praticamente gli esseri viventi nascono con un miscuglio di caratteri fisici e poi quelli che si adattano meglio all'ambiente sopravvivono e si riproducono.
Ora noi umani nasciamo con tutti i tipi di sessualità poi però dipende l'ambiente il carattere e l'educazione sviluppiamo la nostra sessualità, quindi mi chiedo bisex o no cosa cambia? Per esempio io adoro un ragazzo di instagram che è gay e ha dei lineamenti del viso molto femminili al punto tale che con una parucca sembra una donna , sono gay ? Bisex ? Etero ?
Cose che mi piace di lui,  il suo aspetto femminile ? Una volta ero convinto di saperlo adesso bho.

Io pure sono nata in Sicilia, ma non ne farei sinceramente una questione di nord vs sud (le teste di cazzo con una certa mentalità si trovano ovunque). Tuo padre semplicemente fa parte di un'altra generazione, dove diverse cose ai suoi tempi erano normali (quindi va un po' compatito da quel punto di vista) trovo invece decisamente più grave le cose che pensavi tu, perché essendo più giovane di tuo padre ( e qui la cultura retrograda del sud, non è una giustificazione) avevi tutti i mezzi a disposizione (internet e altro) per farti un'idea tua che non fosse influenzata da tuo padre o dal contesto culturale in cui sei nato. Oltre al fatto che non esiste un modo ''corretto'' di fare sesso, infatti questa fissazione che hanno certi etero per la riproduzione, francamente non la capisco. Sembra quasi che nessuno vada a prostitute, oltre a scopare tutti rigorosamente alla missionaria e senza preservativo ( sia mai che muoiano un po' di spermatozoi invano xD). Nemmeno con le seghe si fanno i figli, per non parlare di altri atti sessuali che vengono fatti tra uomo e donna, ma che non hanno come fine ultimo il concepimento. Eppure il concetto di malattia, errore ecc... Vengono applicati solo ai gay e alle lesbiche, come se gli etero esistessero solo per fare figli (come alcuni vogliono far credere) quando questo tipo di ragionamento può essere applicato a chiunque. Quindi meno male che hai cambiato idea, a prescindere dal fatto che i gay non devono per forza stare simpatici a tutti, semplicemente non ha senso quel tipo di ragionamento. Anche se ognuno è libero di pensare quello che vuole. Non capisco cosa volevi dire quando hai tirato fuori l'esempio della teoria di Darwin, anche perché ti sei pure contaddetto. Prima dici che nasciamo con tutti i tipi di sessualità, ma che poi a causa del carattere, educazione, ambiente ecc... Sviluppiamo la nostra sessualità. Ma quindi già ci nasciamo in un certo modo o ci diventiamo dopo? Oh semplicemente alla nascita siamo tipo fluidi? ma poi in che modo il carattere dovrebbe influenzare la sessualità di una persona? e con ambiente a cosa ti riferisci? a quello sociale? quello famigliare? o quello intrauterino? e in che modo l'educazione ti plasma come gay, etero, bisex, trans o qualsiasi altra cosa uno sia? Se ad esempio a un bambino di 3 anni lo fai giocare con le bambole, ti diventerà per forza gay da grande? invece se gli dai le macchinine, sarà etero? Se lo cresci a pane e calcio, di diventerà un vero maschio alpha? mentre se lo fai andare a danza e gli fai ascoltare Lady Gaga, si trasformerà automaticamente in una macchietta tipo Malgioglio? Insomma, questa teoria mi lascia perplessa (ovviamente non è una critica a te). Il fatto che ''adori'' un ragazzo gay che usa le parruche, non fa di te un gay o un bisex (anche perché non hai detto di spipparsi su di lui). Poi che di questi tempi basta mettersi un po' di trucco e parrucco, per sembrare una donna (almeno agli occhi di certi uomini, che più che etero definirei feticisti) è un altro discorso, che è meglio non prendere 0003.gif
PMEmail Poster
Top
 
ColpaMia
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 22:39
Quote Post


Membro Attivo
*


Messaggi: 136
Utente Nr.: 19.684
Iscritto il: 02-Feb-2020



Ragazze dovete perdonarmi io non sono uomo di cultura e perciò mi sono espresso malissimo e giustamente voi ve la siete presa.
Allora quello che voglio dire io è che tutti hanno in se il potenziale per essere qualsiasi cosa però siamo noi che attraverso l'esperienza e l'ambiente in cui cresciamo ci fa tendere verso un tipo di sessualità rispetto ad un' altra .
Poi veniamo al punto dove parlo di procreazione , io pensavo che solo il rapporto tra uomo e donna produce naturalmente una prole ed è vero però non ho detto che è il solo metodo coretto di fare sesso non fraintendete.
Per quanto riguarda il razzismo io non posso cambiare ciò che ero e l'ambiente in cui sono cresciuto no mi ha aiutato in tal senso ed è vero , chi dice il contrario non conosce la mia situazione e non ha il diritto di giudicarmi .
Ho ammesso che ho sbagliato e che il tempo mi ha fatto cambiare idea però se ogni persona che incontri ti dice di odiare i gay a casa a scuola tra amico che scelta mai potevo avere ?
E non per giustificarmi , io non avevo la forza nell'interesse nel cambiare o dire ad altri di farlo, sono fallace dopotutto, però è peggio non cambiare mai idea e non andare avanti e io l'ho fatto , poi starà ai posteri giudicare quello che ho fatto.
Io mi scuso ancora .
PMEmail Poster
Top
 
Getfree
Inviato il: Mercoledì, 05-Mag-2021, 22:54
Quote Post


Psico Padrino
**


Messaggi: 1.230
Utente Nr.: 18.781
Iscritto il: 27-Gen-2018



tranquillo colpa, ho capito. PSICO hug.gif


--------------------
NON RASSICURARTI, NON COMPULSARE!
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 2 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 1 : Drekin

Topic Options Pagine : (2) 1 [2]  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.0587 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]